Rubrica — Editoria Toscana

“L'Aristotelico impenitente”di Stefano Gelain

Il libro sarà presentato giovedì 6 febbraio alle 18.00 al Caffè Letterario Niccolini (via Ricasoli, 3). Introduce Antonio Pagliai, curatore del ciclo d’incontri delle «Niccolitudini».


Siamo nel Trecento, e la vita di un monastero è scossa da un misterioso omicidio. A indagare non sarà Guglielmo da Baskerville, bensì il maestro Ardighino da Padova, un po’ meno brillante del protagonista del Nome della rosa. Eppure, proprio al capolavoro di Umberto Eco si è ispirato Stefano Gelain per il suo L’aristotelico impenitente (Mauro Pagliai Editore), romanzo accurato e denso d’ironia che, come in ogni parodia, gioca con l’ambientazione storica presentando un’irresistibile giostra di situazioni paradossali e personaggi al limite del grottesco.

Stefano Gelain, giovane docente di lettere originario di Feltre (Belluno), si è laureato con una tesi sulla Letteratura latina medievale. Al centro del suo romanzo è la figura di Ardighino, medico e filosofo, allievo del brillante Pietro d’Abano. Piuttosto goffo, non esattamente preparato – nonostante la sua professione non conosce il latino, ma ne parla una variante maccheronica – e totalmente privo di una strategia d’indagine, Ardighino è però dotato di un certo acume e di spirito d’iniziativa, e utilizzerà ogni arma a disposizione per tentare di dare un volto a un assassino senza nome. Il conte Aghinolfo Guidi l’ha, infatti, invitato al Castello di Romena dopo l’omicidio del cavalier Arnaldo Buglione, il cui corpo è stato trovato a terra, con la lingua inchiodata al pavimento. L’indagine porterà Ardighino a muoversi in un mondo fatto di religiosi e di nobili, di castellane e inquisitori, antichi tomi e sofisticati enigmi, prima di trovare finalmente, in modo rocambolesco e inaspettato, il bandolo della matassa.

Redazione Nove da Firenze