Rubrica — Editoria Toscana

La scomparsa di Wanda Lattes

Il giornalismo toscano in lutto. Il cordoglio del sindaco e del presidente Enrico Rossi


FIRENZE- E' di ieri la scomparsa di Wanda Lattes, firma storica del Corriere della sera e poi del Corriere fiorentino. Aveva 96 anni, ma è stata una giornalista impegnata fino all'ultimo dei suoi giorni. Nata da una famiglia ebraica colpita dalle leggi razziali, partecipò alla Resistenza.

Il presidente dell'Associazione Stampa Toscana Sandro Bennucci, i componenti del consiglio direttivo e tutti gli organismi dirigenti dell'Associazione stampa toscana partecipano, con le lacrime agli occhi, al dolore della famiglia per la scomparsa della collega.

"Ho appreso con dolore della scomparsa di Wanda Lattes, giornalista eccellente e donna dedita da sempre all'impegno civile". Lo dichiara il sindaco Dario Nardella. "Di Wanda Lattes - continua il sindaco - ricordo in particolare la gioventù da partigiana e poi la lunga carriera nel giornalismo, prima al Corriere della sera e poi al Corriere Fiorentino. A Firenze mancheranno il suo rigore e la sua voce libera". "Alla famiglia - conclude - vadano le condoglianze dell'amministrazione e della città".

"Non solo una apprezzata giornalista, non solo una scrittrice, ma una testimone della storia drammatica del Novecento, che ha conosciuto, nella sua famiglia, la persecuzione nazifascista contro gli ebrei ed è stata giovanissima protagonista della Resistenza". Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, esprime così il cordoglio suo e dell'intera giunta regionale "Le tracce di questa sua storia – prosegue – sono sempre state presenti nella sua lunga, prestigiosa attività e ne hanno fatto una voce tra le più autorevoli nel giornalismo toscano e nazionale. Alla famiglia vanno le mie più sentite condoglianze".

"Mi unisco al cordoglio per la scomparsa di una donna coraggiosa, una giornalista attenta e puntuale che ha sempre saputo concentrare sulla sua città un attenzione non provinciale, aiutando tutti noi a sentirci parte di un universo più grande-dichiara la deputata del partito Democratico Rosa Maria Di Giorgi- Wanda Lattes è stata una voce autorevole che ha raccontato la realtà con gli occhi attenti di chi, nella curiosità e nel rigore professionale, trova la chiave necessaria per il proprio impegno civile. Dalla giovinezza partigiana alla brillante carriera, Wanda ha sempre mantenuto quella passione che ne ha fatto, pur nella riservatezza, una figura centrale del giornalismo e della cultura del nostro Paese. Alla famiglia ed a tutti i suoi cari le mie più sentite condoglianze".

Redazione Nove da Firenze