Firenze, svastica e simboli satanici sulla facciata di una chiesa

Nuovo episodio nel Quartiere 2: il simbolo nazista con accanto simboli satanici e la scritta "heil satan" sulla chiesa della Beata Vergine Maria alle Cure. Indaga la Digos. SPC: "Necessario un quotidiano impegno a favore dei valori della Resistenza". Armentano (Pd): "Mai abbassare la guardia". Dardano (Lista Nardella): "Importante che si siano avviate tutte le indagini del caso per accertare dinamiche e responsabilità"


“Sempre al Quartiere 2, in zona Cure stavolta, è apparsa nuovamente una svastica. È una segnalazione che ci arriva e ci preoccupa. A essere deturpata è la facciata di una chiesa, in cui svetta il simbolo di un'ideologia criminale e di una pagina vergognosa della storia europea. Sinistra Progetto Comune – sottolineano Dmitrij Palagi, Antonella Bundu, Francesco Gengaroli e Lorenzo Palandri – condanna ovviamente il gesto e ribadisce il proprio impegno, a favore dell'antifascismo e della memoria". La chiesa deturpata è quella dedicata alla Beata Vergine Maria. Accanto alla svastica si notano bene la scritta "heil satan" e alcuni strani simboli, presumibilmente satanici. La Digos ha aperto una indagine.

"Talvolta - riprendono i rappresentanti di SPC - qualche forza consiliare dice che “vediamo i fantasmi”, quando denunciamo la necessità di un quotidiano impegno a favore dei valori della Resistenza.

Sappiamo bene come la Città nel suo insieme sia distante da questi gesti. Per questo – concludono i consiglieri di Sinistra Progetto Comune – è bene non farli passare sotto silenzio”.

A fine maggio era comparsa una svastica davanti a una casa abitata da ebrei, un fatto che riempì di sdegno anche il sindaco Nardella che sui social tuonò: "Vergogna!".

“Un gesto vergognoso, da condannare con forza, sul quale è bene che sia fatta piena luce. Preoccupa che qualcuno ancora utilizzi simboli che appartengono a epoche buie della nostra storia. Significa che non dobbiamo mai abbassare la guardia ma sappia, chi compie queste azioni infami, che certi valori sono ben saldi nella nostra città e a Firenze non c’è spazio per antisemitismo, razzismo e ogni forma di intolleranza”.  Così Nicola Armentano, capogruppo Pd a Palazzo Vecchio, in merito alla svastica comparsa sulla facciata di una chiesa di Firenze, nella zona delle Cure, in via Dino Compagni.

Questo invece il commento di Mimma Dardano, capogruppo lista Nardella a Palazzo Vecchio: “L’uso di certi simboli è grave e intollerabile. Un atto per il quale esprimiamo ferma condanna, è importante che si siano avviate tutte le indagini del caso per accertare dinamiche e responsabilità. Non bisogna infatti sottovalutare questi gesti ma anzi mettere in campo ogni giorno tutto l’impegno possibile per una comunità fondata sui valori della tolleranza e del rispetto. Ogni forma di razzismo e antisemitismo deve essere respinta con forza”.

Redazione Nove da Firenze