Rubrica — Spettacolo

Effetto Venezia: cinque serate dall’1 al 5 agosto

Tra gli ospiti di questa 33° edizione Lo Stato Sociale e gli Zen Circus. La prima domenica del mese musei gratis


Mercoledì 1 agosto apre la 33°edizione di Effetto Venezia, la storica festa livornese che ogni anno anima uno dei quartieri più belli e affascinanti della città, La Venezia, attraversato da canali navigabili.
Un’edizione ricca di eventi anche quella di quest’anno, che si susseguiranno per 5 serate fino a domenica 5 agosto. Ogni sera a partire dalle ore 18. Musica, teatro, mostre, gastronomia, artigianato, visite guidate, tour in battello, esibizioni e letture saranno come sempre gli “ingredienti” della kermesse con un’attenzione particolare allo sport ed un omaggio alla gloriosa storia sportiva della città che ha generato “talenti” in numerose discipline. Non a caso la festa si aprirà con la presentazione alla città della squadra del Livorno Calcio al gran completo ( 1 agosto ore 20.30 piazza del Luogo Pio) e nei giorni successivi saranno numerosi gli eventi legati alla cultura sportiva, tra spettacoli, caffè letterari, presentazione di libri. L’edizione 2018 di Effetto Venezia ha come titolo “Terra di talenti tra arte, cultura e sport” a sottolineare il fervore artistico della città che proprio in Effetto Venezia trova la sua vetrina. Ecco allora che accanto alla sport non mancherà la musica: blues, jazz, disco, classica, rock, soul sui tanti palchi disseminati nel quartiere e performance teatrali in Fortezza Vecchia. E poi ovunque mercatini, animazioni, esposizioni, tantissime occasioni per vivere il quartiere in queste sere d’estate.

Saranno numerosi anche quest’anno i “palchi” ovvero i luoghi di spettacolazione in cui si svilupperà la festa, senza contare che lo stesso quartiere, per il suo fascino e le caratteristiche architettoniche, è esso stesso un palcoscenico naturale. Il main stage sarà come sempre in piazza del Luogo Pio, cui si aggiungono le due Fortezze , la Vecchia e la Nuova, ciascuna con i propri spazi singolari come la Galleria della Cannoniera ( in Fortezza Vecchia) o l’ampia Falsabraga della Nuova che si affaccia sul Pontino e piazza Garibaldi. E poi l’antico palazzo Huigens con il suo settecentesco cortile, il Mercato Centrale, piazza dei Domenicani, il Porto Mediceo con gli Scali delle Barchette, la Chiesa di Santa Caterina e i palchi di via Borra e via Strozzi. Luoghi di grande fascino che accoglieranno spettacoli di ogni genere, in particolare musica, prevista in “enorme dosaggio”. Sarà infatti sul palco di Piazza del Luogo Pio (sabato 4 agosto ore 22.30) che si esibirà Lo Stato Sociale con la super hitUna vita in vacanza”. La band in tour per l’Italia si esibirà in un concerto che si preannuncia un vero e proprio spettacolo “ due ore di coriandoli, palloni, ritornelli, lacrime e risate” con i singoli della band che hanno segnato il percorso musicale dall’esordio fino al successo di Sanremo. Il 2 agosto sarà la volta di un altro gruppo di successo gli Zen Circus con il loro ultimo album “Il fuoco in una stanza” e poi la band maremmana I matti della Giuncaie (3 agosto) ed a chiusura (5 agosto) un omaggio a David Bowie, “Livorno Stardust” con la partecipazione dei musicisti livornesi Bobo Rondelli, Snaporaz Sinfonico Honolulu e BFolks. In prima serata (1 agosto) Radio Stop Festival aprirà la manifestazione con una rassegna canora che vedrà sul palco gli artisti: Carmen, Chiara Galiazzo, Emma Muscat, Federica Carta, Lele, Shade e Thomas più altre sorprese. Al rock di piazza del Luogo Pio farà da contraltare la musica classica di Palazzo Huigens. Qui, ogni sera, alle 21.30 si terrà nel settecentesco cortile del palazzo un concerto; da segnalare in tale contesto il 3 agosto la performance del pianista di fama internazionale Gabriele Baldocci. Musica disco invece in piazza dei Domenicani che ogni sera si trasformerà in una discoteca sotto le stelle con Girodisco; un gruppo di dj si alterneranno ogni sera alla console per proporre vinili di successo. L’Effetto Live, la rassegna dei gruppi musicali emergenti che ogni anno si esibiscono sul “palco Pacini” , quest’anno conquista una location di grande respiro: l’ampia Falsabraga della Fortezza Nuova, il pratone che circonda il baluardo, dove i gruppi musicali ( saranno 20) si avvicenderanno ogni sera a partire dalle ore 21. Le loro note si diffonderanno su tutti gli Scali del Pontino fino a piazza Garibaldi. Spazio Blues sul palco “Manlio Pepe” di via Strozzi e musica d’autore ma anche rock e jazz in una rassegna musicale che per la prima volta trova spazio all’interno del Mercato Centrale . La musica regnerà sovrana anche per le strade di via Borra e nelle chiese ( Chiesa di Santa Caterina e Chiesa della Madonna) dove si esibiranno corali e gruppi vocali.

Il titolo di questa edizione 2018 di Effetto Venezia è “ Terra di talenti tra arte, cultura e sport”; per questo la manifestazione vedrà lo sport protagonista di numerosi appuntamenti: spettacoli teatrali, caffè letterari con la presenza di giornalisti sportivi, nonché esposizioni varie, fotografiche e di cimeli. Non a caso la festa si aprirà (1 agosto ore 21 piazza del Luogo Pio) con la presentazione ai tifosi della nuova formazione del Livorno Calcio che parteciperà al prossimo campionato di serie B. Le ampie sale della Biblioteca dei Bottini dell’Olio, recentemente inaugurata, ospiteranno la mostra itinerante del calcio della FGIC dedicata alla Nazionale Italiana mentre piazza dei Legnami si trasformerà in un “villaggio dello sport” con esibizioni varie. Per Livorno, città sportiva per antonomasia per il numero di medaglie conquistate dagli atleti labronici in tutto il mondo, la cultura dello sport permea l’intera società nel suo vivere quotidiano. Questo comparirà anche nella rassegna teatrale (palco della Cisterna - Fortezza Vecchia) in cui lo sport incontra il teatro e si fa metafora della vita. E’ il caso della performance “La leggenda del pallavolista volante” (1 agosto ore 21.30) o di “Picchi” ( 3 agosto) sul percorso umano e professionale del grande Armando; di “Otto con” (4 agosto) sulla storia degli Scarronzoni; senza tralasciare in ultima serata ( 5 agosto) “Eroi, storie emblematiche di sport” in cui si racconta una carrellata di campioni, ognuno a suo modo eccezionale. Novità di quest’anno il festival del Vernacolo che il Teatro Vertigo di via del Pallone proporrà per cinque serate. In programma commedie e varietà comici tratti dalle tradizioni vernacolari di Beppe Orlandi e Gino Lena.

Da segnalare, sulla scia del tema affrontato la scorsa edizione di Effetto Venezia sull’origine cosmopolita della città di Livorno, la presenza anche quest’anno alla manifestazione del Tavolo delle Religioni che avvierà una serie di incontri sui temi della libertà religiosa oggi. Gli incontri si terranno a Palazzo Comunale, mentre nel cortile interno (via del Consiglio) sarà realizzato un mandala a cura dei buddisti tibetani. Effetto Venezia 2018 proporrà inoltre le tradizionali iniziative che negli anni hanno contribuito al successo della manifestazione: il giro dei Fossi in battello, la visita guidata alle cantine dei rioni per ricoprire le tradizioni remiere cittadine, i mercatini d’artigianato e degli operatori dell’ingegno, le tante mostre d’arte e fotografia. Quest’anno sono previste anche visite guidate di street art : un percorso alla ricerca delle incursioni urbane fatte da artisti quali Blub, Clet, Exit Enter e del collettivo Uovo alla Pop per raccontare la poetica di questi messaggi lasciati tra gli scorci dei canali.

Altra novità, la presenza ogni sera di due “presentatori”: Stefano Santomauro e Alessia Cespuglio che saranno i mattatori del pre serale (ore 21) sul palco di piazza del Luogo Pio con “Welcome on stage” , prima di presentare i big della serata. E sempre ogni giorno, ma alle ore 19, i due attori saranno sugli scali delle Barchette con “ Welcome on sofa” : un angolo di salotto della città dove saranno intervistati gli artisti della manifestazione.

Il Museo della Città, recentemente inaugurato all’interno del Polo Culturale Bottini dell’Olio, vivrà nei prossimi giorni il suo primo Effetto Venezia rimanendo aperto ogni sera fino alle ore 23.30. Da mercoledì 1 agosto fino a sabato 4 agosto per tutta la giornata/serata i visitatori avranno la possibilità di usufruire di un biglietto ridotto come da tariffario: 6 € (Collezioni Cittadine e Arte Contemporanea) e 3,50 € ( solo sez. Collezioni Cittadine o solo sez. Arte Contemporanea). Domenica 5 agosto, essendo la prima domenica del mese l'ingresso fino alle 19.00 è gratuito. Dalle 19.00 in poi il biglietto sarà ridotto: 6 € (Collezioni Cittadine e Arte Contemporanea) e 3,50 € ( solo sez. Collezioni Cittadine o solo sez. Arte Contemporanea). Durante le serate di Effetto Venezia ( ogni sera alle ore 22) al desk del Museo di Città il personale addetto è disponibile per gruppi di visite guidate gratuite (almeno 15 persone). Domenica 5 agosto, come prima domenica del mese sarà aperto gratuitamente anche Il Museo “G. Fattori” di Villa Mimbelli ( via San Jacopo in Acquaviva) che aprirà le porte ai visitatori ( in orario 10-13 e 16-19) per la visita alla collezione permanente dislocata sui tre piani di Villa Mimbelli. Dalle grandi tele di Giovanni Fattori e di altri esponenti della corrente dei Macchiaioli (Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Vincenzo Cabianca, Giovanni Boldini ed altri) ad illustri post-macchiaioli come Eugenio Cecconi e Vittorio Corcos, nonché divisionisti come Benvenuto Benvenuti e Plinio Nomellini.

In occasione della 33a edizione di Effetto Venezia, Fondazione Livorno, oltre ad essere sponsor della manifestazione livornese, sarà presente, come nelle edizioni passate, con la mostra-mercato di artisti e artigiani allestita lungo gli Scali Finocchietti e nel salone della ex Circoscrizione 2, realizzata in collaborazione con l’Osservatorio Mestieri d’Arte. Alla mostra, intitolata Artigianato a Effetto, parteciperanno 16 espositori e saranno anche allestiti due laboratori artistici. Da mercoledì 1 agosto a domenica 5, dalle ore 19 alle 24, sarà possibile visitare la mostra con i lavori dei talenti del territorio della provincia di Livorno e di altri artisti italiani ed esteri: dalle borse in pelle ai sandali, ai gioielli, agli abiti, agli accessori di moda, alla ceramica raku, al vetro artistico, alle maschere di cuoio, al legno e alla scultura. La mostra anche in questa edizione ospiterà laboratori per bambini e adulti. 

Redazione Nove da Firenze