Mugello, note e versi accostati in onore di Campana

Omaggio al grande poeta a San Piero a Sieve (29 giugno) e Marradi (30 agosto): originale concerto di musica lirica con Ugo De Vita, Pape Gurioli e Federica Balucani


Una “mente geniale”, un poeta di “fama mondiale che la Toscana ha l’onore di annoverare tra i suoi artisti più importanti e conosciuti”. L’omaggio a Dino Campana nel concerto-spettacolo che avrà luogo il prossimo 29 giugno a San Piero a Sieve, cui seguirà il bis a Marradi il 30 agosto, è stato presentato dal presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, in una conferenza stampa a palazzo del Pegaso.

“Dino Campana – ha dichiarato Giani – ritrova il suo Mugello, la terra che gli ha dato i periodi migliori della sua vita”. Sarà un vento che“impegnerà tutta la prossima estate, sul quale i sindaci di Scarperia-San Piero a Sieve e Marradi hanno dedicato energie e passione”, ha detto ancora il presidente rilevandone lo “spessore e una qualità artistica davvero importante”.

Il valore culturale dell’evento emerge chiaro dalla sua costruzione: note e versi accostati in un contrasto vivace di generi e canzoni differenti messi in scena da tre artisti di eccezione, Ugo De Vita la voce, Pape Gurioli, musica di Federica Balucani il canto lirico. Filo conduttore, appunto, il ricordo e l’omaggio a Campana con uno sguardo proiettato sul paesaggio, gli itinerari mugellani, compresi quelli sognati dal poeta, e il racconto della sua tormentata vicenda amorosa con Sibilla Aleramo.

Il concerto-spettacolo, organizzato dall'assessorato al Turismo dell'Unione dei Comuni del Mugello, è l’evento clou di una serie di iniziative pensate per valorizzare e far conoscere la Via degli Dei’, il percorso che attraversa l’Appennino collegando Emilia Romagna e Toscana, come ha ricordato il sindaco di Scarperia-San Piero a Sieve Federico Ignesti. Un progetto ambizioso per valorizzare la musica e la cultura dei luoghi toscani ha rilevato il primo cittadino di Marradi, Tommaso Triberti.

L’importanza dell’omaggio a Campana è tale che sarà prossimamente ospitato in Francia in una edizione bilingue.

Redazione Nove da Firenze