Circolo La Gora, presidente donna e tante novità in vista

Kira Bezzi: "Lavori in corso, vogliamo riaprire entro metà marzo". Sottoscrizione popolare per sostenere le spese. Mercoledì 10 febbraio alla presenza della presidente del Quartiere 3 Serena Perini verrà effettuata la raccolta delle firme per "Firenze Antifascista"


Nella zona del Galluzzo è uno dei circoli storici, uno di quelli che più hanno contribuito alla crescita della socialità. Il Circolo Arci o Società Ricreativa La Gora (in origine, 1898, Società di Mutuo Soccorso) sta attraversando come tutte le realtà di questo tipo un periodo delicato ma il suo direttivo non si perde d'animo, anzi rilancia.

Pochi giorni fa alla presidenza è stata eletta una donna, Kira Bezzi, originaria di Tavarnuzze ma residente alla Gora da una trentina d'anni. Proprio Bezzi, assieme ad uno dei componenti più attivi del direttivo, Ferdinando Goretti, spiega come il circolo si sta muovendo durante questa lunga epidemia da Covid.

"Siamo sostanzialmente chiusi da quasi un anno - spiega Bezzi -, dal marzo scorso c’è stato un periodo di riapertura in tarda primavera-estate ma davvero poco significativo. Stiamo facendo dei lavori ai nostri locali per metterli in sicurezza ed abbiamo la volontà di riaprire a metà marzo o anche prima se possibile. Abbiamo anche spazi all’aperto che cercheremo di utilizzare al meglio".

Questi lavori stanno mettendo a dura prova le casse sociali e la presidente Bezzi lancia l'idea di "dare vita a una sottoscrizione popolare, per sostenere queste ingenti spese, tra l'altro rilasceremo regolare ricevuta, soldi che potranno essere detratti fiscalmente".

Intanto, nel breve, c'è la prospettiva di diventare punto di raccolta "Firenze Antifascista", riferimento in questa zona dell’Oltrarno: mercoledì 10 febbraio alla presenza della presidente del Quartiere 3 Serena Perini verrà effettuata la prima raccolta delle firme, in orario 17-18,45.

Il Circolo nella parte interna è costituito dalla zona bar, dalla sala al piano terreno dove nei tempi normali in molti vengono per vedere le partite della Fiorentina, e da una sala superiore, molto carina e ben curata, dove spiccano tre vecchi altoparlanti che venivano usati per le feste dell’Unità e altre iniziative popolari. "Nelle nostre intenzioni - spiega Kira Bezzi - questa sala potrà tornare prima possibile a ospitare compleanni, riunioni di condominio, feste varie e soprattutto mostre, in particolare di artisti che operano in questo territorio. Vogliamo valorizzare i nostri artisti, la gente del luogo, lo meritano”, sottolinea la presidente del circolo che ha pure un altro obiettivo: “Dare più spazio ai giovani, vogliamo tornare a essere un punto di riferimento importante per le nuove generazioni”.

Tra le numerose idee anche quella di mettere una panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza contro le donne.

Il direttivo del Circolo Arci La Gora è composto dalla presidente Kira Bezzi e poi da Silvia Latini, Anna Livia Balderi, Michela Calamandrei, Renzo Bandinelli, Alessandro Scemi, Giacomo Ugolini, Ferdinando Goretti, Pierangelo Gori, Roberto Pancrazi e Stefano Matucci.

Antonio Patruno