Rubrica — LifeStyle

Bitter Amaranto, orgoglio Labronico, per il secondo anno consecutivo

Cacciucco, 5e5 e Ponce... si aggiunge una nuova stella nel firmamento livornese


"Era il 2011, in una notte calda in Medio Oriente, il vento attraversava il deserto e portava con se il profumo delle spezie dal Suk sottostante."

Nasce così, in perfetto stile Mille e una Notte, la storia dell'Opificio livornese "il Re dei Re". Il quale domina per il secondo anno consecutivo, 2019 e 2020, gli International Spirits Award ISW, nella categoria Bitter.

Il Bitter Amaranto viene ottenuto tramite Infusione idroalcolica di erbe aromatiche, radici, fiori, zafferano e scorse di agrumi.
Si contraddistingue al naso per Sentori predominanti di China, Rabarbaro, Genziana, mentre in bocca emergono le note di Genziana ed Arancia. Ottimo in miscelazione, ma sublime da gustare... anche liscio.

Sono molto felice di questo risultato” dichiara Fabio Elettrico titolare dell'azienda “lo voglio dedicare a Livorno, città che mi ha accolto e dove mi sento a casa”.

Dalla mente geniale di Fabio e dal libro di ricette tramandato, prima a sua madre e poi a lui, il quale contiene gli ingredienti e i "segreti" per trasformare il fuoco infernale dell’alcool in nettare paradisiaco, prendono vita liquori, amari, vermouth e distillati di vario genere che vengono esportati in tutto il mondo.

Il percorso dell’Opificio Livornese è lastricato di successi, non solo per il Bitter Amaranto, ma anche per i vari premi ricevuti negli anni nei più grandi concorsi internazionali del settore.


Opificio Artigianale il Re dei Re.
Via dell’Antimonio, 2 - 57128 Livorno

info@liquorificioilredeire.it
www.liquorificioilredeire.it

LifeStyle — rubrica a cura di Alessandro Rella

Alessandro Rella

Alessandro Rella — Fiorentino. Coltiva fin da ragazzo un autentico interesse per la fotografia. Ad oggi, per lavoro, fotografa pietre, perle e gioielli. Per Nove da Firenze segue gli eventi che animano il territorio

E-mail: spettacolo@nove.firenze.it