Bandiere blu, Toscana seconda dopo la Liguria

Toscana seconda quest'anno in Italia, dietro la storica leader Liguria


E' il riconoscimento internazionale che la Fondazione per l'educazione ambientale (Fee) ha assegnato oggi. Ben 163 erano stati i Comuni italiani a presentare la propria candidatura a questo ambito riconoscimento, che valuta un complesso di fattori: dalla tenuta dell'ambiente alla capacità ricettiva fino alla qualità dell'accoglienza.

Diciotto le bandiere blu assegnate dalla Fee alla Toscana per il 2014, una in più dell'anno passato, consentendo il transito dal terzo al secondo posto assoluto. Il nuovo ingresso nell'elenco blu è quello di Marciana Marina, all'Isola d'Elba. Le altre altre spiagge doc sono: Carrara-Marina di Carrara centro (Massa-Carrara); Forte dei Marmi, Pietrasanta, Camaiore, Viareggio (Lucca); Pisa-Marina di Pisa, Calambrone, Tirrenia (Pisa); Livorno-Antignano, Quercianella, Rosignano Marittimo-Castiglioncello, Vada, Cecina-Marina, Le Gorette, Bibbona-Marina, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Piombino-Parco naturale della Sterpaia (Livorno); Follonica, Castiglione della Pescaia, Grosseto-Marina di Grosseto, Principina a mare, Monte Argentario (Grosseto).

E' la conferma della capacità di preservare ambiente e livello di ospitalità, affermano all'unisono le assessore regionali all'ambiente e al turismo, un merito da ripartire tra imprese turistiche ed enti locali di tutta la nostra regione. Ma anche uno sforzo condiviso, aggiungono, che non può fermarsi, per affermare sempre meglio l'obiettivo di un costante miglioramento della qualità dei servizi e la sostenibilità dell'offerta. Si deve puntare, concludono le due assessore, ad ottenere un numero sempre più alto di riconoscimenti come questo odierno, perché sarà il segnale di un progresso permanente, in un'azione comune con operatori turistici, ambientali e amministratori.

 Le Marche si aggiudicano la medaglia di bronzo totalizzando 17 comuni virtuosi. Campania e Puglia confermano invece le 13 e 10 bandiere dello scorso anno mentre l'Abruzzo, anche a causa delle alluvioni dello scorso inverno, ne perde quattro scendendo a 10. Questa la fotografia del mare tricolore secondo la Fee.

Sono tanti e rigidi i parametri utilizzati per la selezione delle località: dall'applicazione di regole più restrittive di quelle previste dalla normativa nazionale all'efficienza della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria (dev'essere allacciato almeno l'80% del territorio) passando per la raccolta differenziata, le aree pedonali e ciclabili, i servizi delle spiagge, lo spazio dedicato all'educazione ambientale nelle scuole e fra i turisti. E ancora la qualità delle strutture alberghiere, la certificazione delle procedure di enti e strutture turistiche del territorio e una pesca sostenibile. Il tutto valutato attraverso i dati degli ultimi quattro anni forniti ai singoli comuni dalle Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente.

Grande soddisfazione dunque per il sindaco Giancarlo Farnetani e la sua Giunta che, proprio in questi giorni sono alle prese con le manifestazioni sportive organizzate per i festeggiamenti del prestigioso riconoscimento di Comune Europeo dello Sport 2014. Importanti successi dunque, che si vanno a sommare ad altri esclusivi impegni presi da questa Amministrazione come la sottoscrizione al Santuario dei Cetacei Pelagos, al progetto la Casa dei Pesci e al riconoscimento Emas tutti volti alla salvaguardia del territorio e della natura al fine di alzare gli standard qualitativi legati all’ambiente. “Un grande traguardo raggiunto dal nostro comune – spiega il sindaco Farnetani -. Un tassello, che si va ad aggiungere a quelli che Castiglione ha saputo guadagnare fino ad ora e che significa molto in termini di qualità ambientale e di mantenimento degli standard. Standard che risultano sempre più difficili da mantenere visti gli insufficienti fondi statali stanziati con conseguenti sacrifici da parte dei Comuni, ma che si rivelano però indispensabili se messi in relazione ad una politica di miglioramento continuo necessaria al mantenimento e alla tutela del patrimonio naturale di cui disponiamo al fine di favorire un turismo di qualità. A questo proposito, ringrazio tutti gli operatori balneari castiglionesi per lo splendido lavoro svolto”.

Per l’ottavo anno consecutivo il Comune di Livorno ha ottenuto la “Bandiera blu”.
La bandiera blu sventolerà anche quest’estate (dal 14 giugno al 14 settembre) da Antignano a Quercianella, toccando la spiaggia dei tre Ponti, la spiaggia del Roma-Sale, la cala del Miramare, le spiagge del Rex e del Rogiolo ed infine la cala di Quercianella.

Redazione Nove da Firenze