Cinema: un film ispirato a una sceneggiatura di Fellini

Il mai realizzato “Viaggio con Anita” del maestro riminese in una serie di proiezioni speciali


TOSCANA — A 20 anni dalla scomparsa di Federico Fellini (31 ottobre 1993), e dopo essere stato presentato allo scorso Torino Film Festival, una serie di proiezioni speciali permetteranno al pubblico di scoprire ANITA, il film d’esordio di Luca Magi, ispirato al trattamento Viaggio con Anita scritto da Federico Fellini e da Tullio Pinelli e mai realizzato dal Maestro. Un’occasione imperdibile per ammirare uno dei film più sorprendenti dell’anno.

Il film sarà presentato dapprima in competizione ufficiale al prestigioso festival documentario DOCLISBOA, in Portogallo, dove sarà in compagnia di appena 8 film provenienti da tutto il mondo, tra cui spiccano autori come Pippo Delbono, Avi Mograbi e Wang Bing. Sarà poi la volta del Cinema Lumière di Bologna e di due proiezioni toscane: il 4 novembre allo Spazio Alfieri di Firenze, storico cinema del centro cittadino, appena rilanciato dalla gestione della Fondazione Mediateca Toscana e infine a Siena, nell’ambito del Festival Visionaria.

Sceneggiato da Antonio Bigini e realizzato da KINÉ, in co-produzione con VEZFILM e in associazione con HOME MOVIES, il film è una sofisticata opera prima in cui il regista ci conduce attraverso un'Italia segreta, lontana dai percorsi battuti, sulle tracce di Guido e Anita – i protagonisti del trattamento di Fellini - e del loro viaggio per raggiungere il padre di Guido sul letto di morte. Un viaggio fatto di incontri e personaggi senza tempo trovati lungo il percorso, da un lato all’altro dell’Italia centrale, attraverso luoghi incantevoli e pieni di fascino: Civita di Bagnoregio, suggestivo borgo medievale sospeso su una vallata di calanchi e unito al resto del mondo solo da uno stretto ponte pedonale; Monterchi (AR) con la sua celebre Madonna del Parto, già raccontata da registi come Zurlini e Tarkovskij; la Gola del Furlo, scenario lunare nell'entroterra marchigiano, per arrivare a Fano, che nell'immaginario di Fellini rappresentava la Rimini della sua infanzia.

Disegnatore, illustratore e animatore, Luca Magi si approccia al film con uno sguardo fortemente condizionato dal disegno, realizzando un’opera capace di coniugare procedimento artistico e presa documentaria. In particolare, colpisce di Magi l’uso inedito e decontestualizzato delle immagini d’archivio (prese da Home Movies), scelte e utilizzate per il loro valore pittorico ed evocativo, trattate alla stregua di veri e propri disegni. Il film è impreziosito dalla presenza di Emidio Clementi – leader dei Massimo Volume - come voce narrante e dal contributo di Massimo Carozzi mente musicale del collettivo artistico Zimmerfrei

KINÉ realizza dal 2009 alcune co-produzioni internazionali, distribuite da ARTE France (Brèves histoires de l’amour qui dure) e Al Jazeera (The Enemy Within). Tra le sue produzioni recenti Eden's Ark (2011) di Marcelo Felix, Formato ridotto (2012), realizzato con gli scrittori Ermanno Cavazzoni, Wu Ming 2, Enrico Brizzi, Ugo Cornia ed Emidio Clementi e Vacanze al mare (2013), esordio alla regia di Ermanno Cavazzoni, in concorso al prossimo Festival Internazionale del Film di Roma. Anita è co-prodotto da Vezfilm società nata a Londra nel 2010, che produce film documentari e cross-platform.

Redazione Nove da Firenze