San Lorenzo le promesse mancate, ora si chiede il conto nel Bilancio di Firenze

Mille firme raccolte, ma la situazione non cambia. Adesso i cittadini si domandano quali spese siano previste nel Bilancio del Comune per intervenire contro il degrado del rione


DEGRADO — Piazza San Lorenzo, tra Carabinieri, Polizia ed agenti della Municipale fiorentina appare oramai come un presidio fisso delle Forze dell'ordine: una condizione che offre sicurezza o una sconfitta per la città?
Don Angelo Livi, priore della Basilica, storica chiesa dei Medici, non vorrebbe affrontare nuovamente l'argomento, "Perché poi sembra che io mi sia messo contro tutto e tutti" però le parole di una figura essenziale per il quartiere giunta all'età di 99 anni, non possono lasciare indifferenti e si ergono su di una intera comunità.

Bilancio 2013. Le associazioni promotrici della petizione popolare “per bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo” vogliono risposte concrete sull’impegno di risorse finanziarie per la riqualificazione del rione
Una petizione popolare “per bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo” sottoscritta da oltre 1000 fiorentini di nascita o d’adozione che non ha dato gli effetti sperati innescando una serie di incontri senza una programmazione precisa sul da farsi. Solo tanti impegni. Se poi leggiamo che tra i risultati ottenuti per riqualificare il cuore di Firenze ci sarebbero le "disinfestazioni straordinarie" appare chiaro che qualcosa non sia come dovrebbe.

In vista della seduta del Consiglio Comunale del 25 luglio in cui verrà votato il bilancio annuale di previsione 2013, l’associazionismo ha presentato un primo resoconto dei risultati ottenuti a 40 giorni dal lancio dell’iniziativa e ha ribadito la richiesta all’Amministrazione Comunale di impegnare congrue risorse finanziarie per la necessaria riqualificazione del rione. "Ci sono circa 220mila euro - spiega il portavoce dei comitati - che arrivano a Firenze attraverso un finanziamento Europeo per la tutela, la valorizzazione ed il rispetto delle integrazioni sul territorio, ci aspettiamo che una parte di questi soldi siano alla voce San Lorenzo".

I risultati fin qui ottenuti, a seguito della presentazione della petizione popolare e a fronte dei molteplici incontri istituzionali che le associazioni hanno avuto dal 10 giugno a oggi, sono i seguenti:
1. realizzazione – ancora in corso – dei lavori di risistemazione dei cassonetti in Piazza del Mercato Centrale
2. presa di impegno da parte della Prefettura di convocare – a breve – il tavolo sulla concorrenza sleale per organizzare una serie di controlli specifici nei confronti degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio e somministrazione di bevande ed alimenti, concentratesi in maniera sproporzionata nel rione, al fine di tutelare la salute dei cittadini e contribuire all’integrazione dei migranti e delle loro attività economiche nel tessuto sociale ed economico della zona
3. presa di impegno da parte della Quadrifoglio per una disinfestazione straordinaria della zona di via Panicale e piazza del Mercato Centrale
4. presa di impegno da parte della Provincia di Firenze per una disinfestazione straordinaria del complesso di Sant’Orsola

La richiesta all’Amministrazione Comunale di impegnare congrue risorse finanziarie per la necessaria riqualificazione del rione ha riguardato in particolare i provvedimenti atti a:
1. svolgere interventi di manutenzione e riqualificazione della viabilità, della vivibilità e arredo urbano di via Panicale, piazza del Mercato e piazza San Lorenzo
2. includere quei soggetti che se non integrati nel tessuto sociale ed economico del rione rischiano di favorire l’aumento di fenomeni di emarginazione e auto-emarginazione, attraverso azioni di mediazione sociale e promozione del dialogo interculturale, anche in vista della collaborazione che il Comune vorrà fornire al gruppo di lavoro che la Prefettura si è impegnata a realizzare

Redazione Nove da Firenze