Escursioni nel Padule: itinerario storico-ambientale e visita area Righetti

l punto di partenza è presso il Ponte di Cappiano, voluto dal Granduca Cosimo I nel 1550 per creare uno sbarramento al libero deflusso delle acque e sfruttare le risorse ittiche del lago così formato


FUCECCHIO — Dopo il primo appuntamento nell'area de Le Morette, che ha riscosso un grande successo, il programma delle visite primaverili organizzate dal Centro RDP Padule di Fucecchio prosegue con escursioni a carattere naturalistico o storico-ambientale; ai margini del Padule infatti rimangono tuttora significative testimonianze dell'opera dell'uomo, che nel corso dei secoli ha plasmato e modificato la struttura dell'area umida.

Per questo l'appuntamento successivo (sabato 17 marzo, ore 15-18) è su un un itinerario che tocca luoghi e edifici legati ai principali avvenimenti storici dell'area, snodandosi tra Ponte a Cappiano nel comune di Fucecchio e il Capannone nel comune di Ponte Buggianese e costeggiando la fascia occidentale del bacino palustre.

Il punto di partenza è presso il Ponte di Cappiano, voluto dal Granduca Cosimo I nel 1550 per creare uno sbarramento al libero deflusso delle acque e sfruttare le risorse ittiche del lago così formato; l'edificio è stato restaurato in occasione del Giubileo ed è attualmente visibile in tutto il suo splendore.

L'itinerario prosegue per Massarella, da dove si può ammirare un panorama che abbraccia buona parte della palude, e prevede una sosta presso il Porto di Salanova, dove sono ormeggiati i caratteristici barchini.

Spostandosi nella zona del Golfo, a Ponte Buggianese, si osservano gli essiccatoi del tabacco, preziose testimonianze di archeologia industriale, e la dogana medicea del Capannone: il complesso architettonico testimonia l'importanza delle vie d’acqua fino al XIX secolo, dato che l’omonimo porto costituiva uno dei principali approdi della Valdinievole.

Sabato 24 marzo (ore 15-18) è in calendario una escursione guidata nell'area Righetti, che costituisce la parte più settentrionale della Riserva Naturale e conserva elementi di grande interesse paesaggistico e naturalistico, grazie alle cure prodigate per decenni dall'Ing. Gaetano Righetti e poi dal Consorzio di Bonifica, che ne ha acquisito la proprietà; proprio per questo è possibile visitarla solo in compagnia di Guide esperte, che sappiano come ridurre al minimo ogni disturbo alla flora e fauna protette.

Anche in questa parte della Riserva Naturale sono stati effettuati negli ultimi anni grandi interventi di manutenzione e ripristino ambientale, ed in particolare sono stati creati specchi d'acqua, dotati anche di due osservatori faunistici, che ospitano durante la migrazione primaverile una grande varietà di uccelli acquatici.

Le visite sono aperte a tutti gli interessati, tramite il versamento di una piccola quota di partecipazione, e sono sempre condotte da una Guida Ambientale Escursionistica autorizzata ai sensi della L.R. 14/2005.

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il Centro R.D.P. Padule di Fucecchio (tel. e fax 0573/84540, email fucecchio@zoneumidetoscane.it) o visitare la pagina web www.zoneumidetoscane.it/eventi/padeventi.html.

Redazione Nove da Firenze