Rubrica — Europe Direct

Un regime di garanzia da 100 milioni di euro a sostegno delle PMI

Dalla Commissione UE via libera ad Aiuti di Stato per i settori agricolo, forestale, della pesca e dell'acquacoltura colpiti dall'epidemia di coronavirus


La Commissione europea ha approvato un regime di aiuti di Stato italiano da 100 milioni di euro a sostegno delle piccole e medie imprese nei settori agricolo, forestale, della pesca e dell'acquacoltura nel contesto dell'epidemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell'ambito del quadro temporaneo per gli aiuti di Stato adottato dalla Commissione il 19 marzo 2020, modificato il 3 aprile 2020 .

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager , responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato : “Questo regime da 100 milioni di euro consentirà all'Italia, attraverso la fornitura di garanzie statali, di sostenere le PMI attive nei settori agricolo, forestale, della pesca e dell'acquacoltura, che sono attualmente sperimentando difficoltà dovute allo scoppio del coronavirus. Il regime aiuterà tali imprese a coprire le loro immediate esigenze di liquidità e le supporterà a continuare le loro attività durante e dopo l'epidemia. Mettere in atto le necessarie misure nazionali di sostegno in modo tempestivo, coordinato ed efficace, in linea con le norme dell'UE, è di fondamentale importanza in questi tempi difficili. "

Le misure di sostegno italiane

L'Italia ha notificato alla Commissione, nell'ambito del quadro temporaneo modificato, un regime di 100 milioni di euro a sostegno delle PMI nei settori agricolo, forestale, della pesca e dell'acquacoltura colpiti dall'epidemia di coronavirus.

Nell'ambito del regime, il sostegno sarà concesso dal fondo di garanzia ISMEA di proprietà statale, attraverso istituti finanziari, sotto forma di:

  • garanzie statali su prestiti di investimento e capitale circolante;
  • Sovvenzioni dirette, sotto forma di rinuncia alla tariffa applicabile sulle garanzie concesse.

Redazione Nove da Firenze