Trasporto pubblico: agevolazioni del Comune per gli abbonamenti

Dal 1° settembre possibile chiedere il rimborso. Ecco come fare. La revisione del Pegaso a ottobre


Nessun aumento del costo degli abbonamenti del trasposto pubblico per gli studenti e buona parte dei residenti a Firenze. Grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale, che ha stanziato per questo 1 milione di euro, i cittadini che hanno i requisiti previsti possono chiedere il rimborso per coprire la differenza di costo scattata con l’entrata in vigore del nuovo sistema tariffario regionale.

I requisiti

Per chiedere il rimborso è necessario essere residenti nel Comune di Firenze, aver presentato la dichiarazione ISEE, essere titolari della carta UNICA e aver acquistato uno dei seguenti titoli di viaggio:

- abbonamento annuale ordinario ISEE, 260 euro (il beneficio riguarda coloro che avevano diritto all’abbonamento ordinario basic);

- abbonamento annuale studenti ordinario, 252 euro;

- abbonamento annuale studenti ISEE, 200 euro.

L’entità del rimborso varia dai 15 euro (abbonamento studenti ISEE) ai 110 euro (abbonamento ordinario ISEE).

Ecco come fare

Dal 1° settembre gli interessati potranno chiedere il rimborso direttamente tramite i servizi on line presenti sul sito del Comune di Firenze e su quello dell’azienda di trasporto. È possibile anche scegliere la modalità preferita per la riscossione: bonifico o direttamente presso uno sportello della Cassa di Risparmio Firenze. Per l’accesso ai servizi on line è necessario dotarsi delle credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale, o di quelle rilasciate sul web gratuitamente dall’Amministrazione comunale. Per chi non ha le credenziali di accesso ai servizi on line e non intende dotarsene è possibile presentare la richiesta di rimborso compilando l’apposito modulo disponibile in rete allo stesso indirizzo. In questo caso il servizio genera una richiesta cartacea che va stampata, firmata, scannerizzata e inviata tramite e-mail insieme alla copia sottoscritta e scannerizzata di un documento di identità valido. Questa modalità alternativa ha necessità di tempi aggiuntivi per la verifica dei requisiti del richiedente da parte degli uffici. Per questo il rimborso sarà disponibile, soltanto presso gli sportelli della Cassa di Risparmio di Firenze, non prima di tre mesi dalla presentazione dell’istanza.

Lastra a Signa: il Comune evita gli aumenti dell'abbonamento del bus per gli studenti della scuola secondaria di I grado

A seguito dell'entrata in vigore dal 1 luglio 2018 della nuova comunità tariffaria regionale, con conseguente rincaro di biglietti ed abbonamenti del trasporto su gomma, per favorire una maggiore equità del provvedimento e per tutelare le fasce deboli, anche il Comune di Lastra a Signa ha individuato le risorse per evitare gli aumenti del costo dell'abbonamento del bus per gli studenti della scuola secondaria di I grado. Nel mese di settembre saranno comunicate le modalità operative per la riduzione dell'abbonamento per gli studenti. L'Amministrazione comunale accoglie con soddisfazione le misure adottate dalla Regione Toscana dopo la rimodulazione delle tariffe, con l'inserimento di un nuovo abbonamento per gli studenti valido 10 mesi da settembre a giugno. Questo abbonamento avrà il prezzo di 8 mensilità sia per l'abbonamento ordinario, sia per quello ISEE. Il Sindaco Angela Bagni dichiara che "resta, invece, da risolvere il tema dell'armonizzazione dei biglietti del trasporto pubblico locale per favorire l'integrazione tra ferrovia, tram e bus. Insieme ai Sindaci di Signa, Calenzano e Sesto Fiorentino, abbiamo richiesto un appuntamento con l'Assessore della Regione Toscana Ceccarelli sul problema. Ritengo che sia profondamente ingiusto che un cittadino paga €. 4,10 per il collegamento Lastra a Signa Careggi (treno + tramvia), mentre il collegamento Lastra a Signa Careggi, utilizzando il bus e la tramvia, costa €. 1,50, con tuttavia tempi di viaggio molto lunghi. Questo penalizza fortemente le aree periferiche disincentivando l'uso del mezzo pubblico ed aggravando il cronico problema della viabilità nell'area delle Signe".

Una nuova comunità tariffaria regionale

Arriverà invece a ottobre la revisione delle tariffe PEGASO. La rimodulazione rientra nelle correzioni annunciate dall'assessore Vincenzo Ceccarelli ai primi di agosto in seguito alla necessità di aggiustare alcune anomalie riscontrate con l'introduzione della comunità tariffaria regionale entrata in vigore il primo luglio, che ha dovuto scontrarsi con la complessità della costruzione della tariffa. L'obiettivo della revisione, dare equità ad un sistema che vedeva circa 300 tariffe diverse in vigore in Toscana. Con i correttivi introdotti, ad esempio, l'abbonamento mensile Pegaso extraurbano integrato con l'urbano di Firenze, prevede una riduzione media del costo, nelle prime dieci fasce chilometriche, dell'8,5% rispetto alle tariffe introdotte il 1° luglio, ed un adeguamento medio delle tariffe, rispetto alla situazione precedente la comunità tariffaria, di poco inferiore al 2%. L'abbonamento annuale Pegaso extraurbano integrato con l'urbano di Firenze, prevede invece una riduzione media del costo, nelle prime dieci fasce chilometriche, del 7,4% rispetto al 1° luglio, ed un adeguamento medio rispetto alla situazione precedente la comunità tariffaria del 5%. Pegaso è il sistema tariffario che consente un utilizzo combinato delle diverse modalità di trasporto extraurbano (autolineee/ferrovie) ed urbano, tramite il quale il passeggero, acquistando un unico titolo di viaggio, può sfruttare pienamente le opportunità offerte dalla rete del trasporto pubblico regionale sia su treno che su autobus.Per accedere ai servizi e ai vantaggi del sistema tariffario regionale Pegaso è necessario munirsi della PEGASOcard, cioè una tessera di accesso nominativa. Una volta in possesso della PEGASOcard, il titolare della stessa può acquistare gli abbonamenti Pegaso , mensili ed annuali, presso le rivendite delle aziende, e di Trenitalia, presenti sul territorio regionale. E' possibile acquistare anche biglietti giornalieri Pegaso, in questo caso non è necessario essere in possesso della PEGASOcard. Gli abbonamenti, ed i biglietti giornalieri, consentono di utilizzare indifferentemente tutti i mezzi di trasporto che collegano le località di origine e destinazione dello spostamento, con possibilità di salita e discesa in tutte le fermate comprese nella tratta riportata sulla tessera. PEGASOcard, abbonamenti e biglietti giornalieri Pegaso possono essere acquistati anche presso tabaccherie, pubblici esercizi e negozi che espongono il marchio Pegaso.

Redazione Nove da Firenze