Trasporto pubblico a Firenze: una App che fa impazzire gli utenti?

Le vostre segnalazioni a nove@nove.firenze.it


Proseguono le segnalazioni dei nostri lettori in merito alla Applicazione Ataf che dovrebbe geolocalizzare i mezzi in circolazione sull'area fiorentina segnalandone la presenza e soprattutto le frequenze di transito presso le fermate.

Dopo le "paline intelligenti", la segnaletica elettronica led che ha sostituito gli orari cartacei, inserite nel circuito durante l'ultima gestione pubblica, è arrivata la App scaricabile gratuitamente on line. 
La geolocalizzazione, si pensava, sarebbe stata una gran cosa, specialmente con i cantieri e le problematiche legate al traffico urbano. Non sembra però essere così.

Ci scrivete che spesso, dopo aver atteso e soprattutto aggiornato la schermata, avete deciso di rinunciare ed andare a piedi, pur avendo sottoscritto un abbonamento mensile o acquistato un tagliando on line. Come mai?

Ci segnalate che i tempi di arrivo variano spesso, a volte anche di 15 minuti in più o in meno. Alcune volte il mezzo in arrivo sparisce dallo schermo per ricomparire traslato di diversi minuti e successivamente anticipato.
L'esempio di Elisa è significativo: "La App diceva che il mio mezzo sarebbe arrivato a 20 minuti presso la fermata. Prima di uscire ho ricontrollato e lo dava a 35. Ho pensato fosse saltata la corsa. Sono scesa sul marciapiede pensando di avviarmi comunque. Per scrupolo ho controllato nuovamente e lo dava a 5 minuti. Risultato, l'ho visto passare in lontananza. Perso. A piedi anche stamani. Ma sono veramente geolocalizzati, oppure è una slot?".

 
C'è chi si lamenta doppiamente perché, se l'abbonamento copre l'intero arco della giornata e potrebbe essere possibile recuperare la corsa, il biglietto acquistato via SMS, in anticipo come da regolamento, inizia a scadere dal momento della ricezione del messaggio e perdere una corsa significa giocarsi anche 30 minuti di biglietto pagato.

Che i tempi possano slittare è caratteristica della Applicazione che serve proprio per dare l'effettiva collocazione delle linee sullo scacchiere urbano, i ritardi pertanto sono fisiologici. Desta perplessità invece l'aspetto dei passaggi anticipati. 

Torniamo nuovamente a rivolgerci ad Ataf, per avere delucidazioni.

Si tratta di un sistema affidabile? Ci sono dei consigli utili su come organizzarsi al meglio per non vanificare il costo dell'abbonamento o del biglietto acquistato via SMS? 

Antonio Lenoci