Rubrica — Spettacolo

Teatro del Maggio: parte la stagione lirica e balletto 2019/2020

Sabato 12 ottobre va in scena Fernand Cortez di Gaspare Spontini nella versione originale (1809)


Firenze, 11 ottobre 2019 - Si apre domani, sabato 12 ottobre 2019, il sipario sulla stagione lirica e balletto 2019/2020 del Maggio Musicale Fiorentino che vede andare il scena Fernand Cortez, Tragédie Lyrique di Gaspare Spontini che il teatro fiorentino propone nella versione originale del 1809 – mai vista in tempi moderni - in un nuovo allestimento realizzato in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi e l’edizione critica a cura di Federico Agostinelli (repliche: 16 e 23 ottobre ore 19; domenica 20 ottobre ore 15:30).

La regia porta la firma di Cecilia Ligorio, mentre sul podio ci sarà il maestro Jean-Luc Tingaud a dirigere l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino e il corpo di ballo della Compagnia Nuovo BallettO di ToscanA.

Fernand Cortez apre una stagione che si preannuncia ricca e sfaccettata, con 8 appuntamenti operistici (incluso un trittico) e un balletto. Si prosegue infatti il 15 novembre con il trittico Il tabarro/Suor Angelica/Gianni Schicchi di Giacomo Puccini mentre il 15 dicembre spazio al nuovo allestimento di Cenerentola, balletto contemporaneo su musiche di Sergej Prokof'ev. Il nuovo anno con l'opera comincia il 17 gennaio 2020 con Risurrezione di Franco Alfano. Il 21 febbraio va in scena uno degli ultimi capolavori di Gaetano Donizetti, Don Pasquale mentre Il 22 marzo spazio a Rinaldo, opera di Georg Friedrich Händel.

Tra le opere di repertorio - tutte fuori abbonamento - in programma dal 13 ottobre l'ormai “classica” Carmen di Georges Bizet, dal 16 novembre appuntamento con il Rigoletto “estratto” dall’innovativo progetto del Maggio Musicale Fiorentino Trilogia popolare firmato dal regista Francesco Micheli. Il 14 dicembre ritorna La bohème di Giacomo Puccini mentre dal 22 febbraio spazio a La traviata di Giuseppe Verdi.

Ultimi giorni per sottoscrivere gli abbonamenti alla stagione lirica e balletto che danno diritto alla prelazione sull’acquisto dell’abbonamento (e di una scontistica riservata) all’LXXXIII Festival del Maggio, che sarà ancora più ricco di quanto preannunciato. Il programma del festival, al quale sta lavorando il sovrintendente Alexander Pereira, verrà presentato ufficialmente e messo in vendita nelle prossime settimane. 

Nell’ambito del festival, il maestro Zubin Metha dirigerà l’attesissimo Otello di Giuseppe Verdi oltre al Fidelio in forma di concerto e al ciclo integrale delle sinfonie di Ludwig van Beethoven.

Redazione Nove da Firenze