Solo deboli nevicate sparse in Mugello

Attenzione ai contatori dell’acqua. In Chianti non sarà garantito il servizio di trasporto scolastico nelle aree montanare e collinari


La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala che sono in atto deboli nevicate sparse, in particolare nella zona del Mugello - Alto Mugello. Per le prossime ore ancora possibilità di deboli nevicate sparse oltre 200-300 m di quota, sui settori appenninici. Per domani, mercoledì 23 gennaio, è previsto dal Centro funzionale regionale un codice giallo per rischio neve su tutto il territorio provinciale e codice giallo per rischio ghiaccio nelle zone Mugello-Valdisieve e Romagna Toscana (Alto Mugello).

"Per l'abbassarsi delle temperature è probabile la formazione di tratti ghiacciati. Si ricorda l'obbligo delle dotazioni invernali e massima attenzione alla guida - avverte il consigliere Angelo Bassi, delegato della Metrocittà alla Protezione civile - Il personale della Viabilità e della nostra Protezione civile sta operando per garantire la percorribilità delle strade di competenza".

Scuole aperte anche per le scuole del territorio di Barberino Tavarnelle. L'Ufficio Servizi educativi dell'Unione comunale del Chianti fiorentino comunica che domani il servizio di trasporto scolastico potrà subire ritardi o variazioni legati alla percorribilità delle strade. Per informazioni più dettagliate si consiglia di contattare 0558052228, a partire dalle ore 7,15 di domattina.

Considerato il repentino abbassamento delle temperature, soprattutto notturne, previsto anche per i prossimi giorni, in particolar modo nelle zone collinari e appenniniche per le Province di Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo, Publiacqua raccomanda a tutti gli utenti di provvedere a proteggere con scrupolo il proprio contatore dell’acqua con materiali isolanti o con stracci di lana, per evitarne la rottura a causa del gelo; ciò provocherebbe infatti la cessazione dell'erogazione di acqua per il tempo necessario alla sostituzione del contatore da parte nostra. Sostituzione i cui costi sarebbero tra l’altro a carico degli utenti stessi. Oltre a questo Publiacqua ricorda anche che un problema a parte è rappresentato dalle seconde case, inabitate nel periodo invernale, dove il ghiaccio può provocare la rottura di tubazioni e termosifoni. Anche in questo caso raccomandiamo agli utenti, oltre che proteggere il contatore, di tenere sotto controllo le tubazioni del proprio impianto interno adottando, al bisogno, qualche piccolo accorgimento come quello di mantenere un minimo flusso da un rubinetto per evitare il congelamento delle tubazioni esposte.

Redazione Nove da Firenze