Seduta straordinaria del Consiglio comunale al Carcere di Sollicciano

Lunedì dalle ore 15. Tra i promotori l'associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi”. Il 14 dicembre partita di Natale tra detenuti e giornalisti del TGR RAI


Il Consiglio comunale è convocato per lunedì 11 dicembre, dalle ore 15,00 presso il Carcere di Sollicciano per una seduta tematica su “Problematiche relative alla vita delle presone private della libertà e del personale di sorveglianza della casa Circondariale di Sollicciano”. La seduta si aprirà con l'intervento di Fabio Prestopino e Carlo Berdini della direzione del Carcere. A seguire gli interventi di Margherita Michelini, Direttrice Casa Circondariale Mario Gozzini; di un rappresentante del Ministero di Grazia e Giustizia; di Claudio Caretto, Tribunale di Sorveglianza; Antonio Fullone, Provveditore Regionale dell'Amministrazione penitenziaria della Toscana e Umbria; Dario Nardella, Sindaco; Sara Funaro, Assessore al welfare; Rappresentanti dei detenuti (femmine, maschi, transessuali); Franco Corleone, Garante Regionale dei diritti dei detenuti; Eros Cruccolini, Garante del Comune di Firenze; Massimo Mencaroni, Comandante della casa circondariale a nome degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio a Sollicciano, e di altri operatori all'interno dell’Istituto Penitenziario di Sollicciano. Seguiranno gli interventi dei consiglieri comunali. La seduta del Consiglio comunale non sarà aperta al pubblico, e l'ingresso sarà consentito unicamente ai rappresentanti delle istituzioni e alla stampa accreditata.

“Lunedì prossimo si terrà dentro il carcere di Sollicciano un Consiglio comunale straordinario sui problemi dell’istituto penitenziario fiorentino. Un Consiglio importante, richiesto con determinazione e insistenza negli ultimi mesi da alcune delle persone che da anni sono in prima fila nella lotta per risolvere i tanti problemi del carcere fiorentino. Mi riferisco a Don Vincenzo Russo, cappellano del carcere, a Tommaso Grassi, Consigliere comunale del gruppo ‘Firenze riparte a Sinistra’, agli amici della Camera Penale fiorentina e del suo Osservatorio Carcere, e ai militanti radicali dell’associazione ‘Andrea Tamburi’. Il Consiglio si farà e me ne rallegro, ma tradirei il mio impegno se non segnalassi uno dei rischi, forse il principale, di un Consiglio in carcere: la trasformazione, anche involontaria, dell’evento in una surreale passerella di politici e personalismi. Un rischio che deve essere evitato per non tradire le attese riposte in questo Consiglio da chi il carcere lo vive sulla propria pelle: detenuti, lavoratori, operatori e volontari dell’area carceraria. Suggerisco, perciò, a quanti parteciperanno al Consiglio di lunedì di ambire unicamente a osservare e capire il carcere fiorentino per quello che è oggi: una discarica sociale, dove tutto è difficile, anche curare la propria igiene, o un malanno di stagione, o fare il proprio lavoro secondo il dettato della Costituzione. Saluto infine l’arrivo del nuovo direttore di Sollicciano, Fabio Prestopino, persona di grande esperienza e sensibilità. La sua dichiarazione di apertura per una forte interazione tra il carcere e la municipalità fa ben sperare e noi radicali ci attendiamo di instaurare con questa sua nuova direzione una proficua e sincera collaborazione. Va, infatti, intensificato e reso agibile il rapporto tra città e carcere per poter finalmente riattivare, nella pienezza del dettato costituzionale, il complesso dei percorsi di rieducazione e reinserimento sociale del detenuto.”

Giovedì 14 dicembre incontro di calcio a Sollicciano in vista del Natale. La squadra dei detenuti, seguita da Uisp Firenze nell’ambito del progetto “Sport in libertà”, affronterà la formazione dei giornalisti del TGR RAI Toscana, allargata per l’occasione ad alcuni ex giocatori dell’ACF Fiorentina. Per una partita così speciale non poteva mancare la presenza di un allenatore d’eccezione. Ha accettato di buon grado l’invito a sedere in panchina Pantaleo Corvino, direttore generale dell’area tecnica della società viola. Quest’anno sulle maglie della squadra del TGR RAI Toscana, viste le finalità benefiche dell’evento, compare il logo della Fondazione Bacciotti e il suo presidente Paolo Bacciotti sarà in campo per l’occasione. Per la Uisp Firenze l’evento di quest’anno nel carcere di Sollicciano, rientra in un percorso avviato da tempo nell'istituto penitenziario e che ha come obiettivo da una parte l'attività fisica e ricreativa, dall'altra la riscoperta della lealtà della competizione. Un progetto sportivo, in accordo con la direzione educativa dell'istituto, che ha una duplice finalità: “richiamare l’attenzione sulla condizione della popolazione carceraria e dare un segno tangibile di come un effettivo reinserimento nella società dei detenuti sia possibile e passa anche da manifestazioni e iniziative di questo tipo” sottolinea il presidente di Uisp Firenze Marco Ceccantini. Per l’associazione, che sta portando avanti ormai da alcuni anni il progetto “Sport in libertà” coinvolgendo anche altre discipline sportive come ad esempio la pallavolo, l’occasione per ribadire che lo sportpertutti è davvero possibile.

Redazione Nove da Firenze