RiseUp4Rojava: manifestazione in piazza della Signoria per la causa curda

Palagi e Bundu (Sinistra Progetto Comune): "Firenze c'è, per Lorenzo Orsetti, per Eddi Jacopo e Paolo e contro la guerra di Erdogan"


Nella giornata di mobilitazione internazionale in difesa della rivoluzione confederale, a Firenze la realtà della durezza e della tragicità della guerra si fa spazio nello shopping natalizio. Da inizio ottobre Erdogan sta attaccando il nord della Siria e liberando dalle prigioni i jihadisti che il sacrificio di decine di migliaia di donne e uomini aveva fermato. Le istituzioni italiane finora non hanno rilasciato altro che dichiarazioni simboliche.

"È necessario che i crimini di guerra della Turchia vengano condannati a livello internazionale -denunciano da RiseUp4Rojava Firenze- Con un pensiero a Leopoldo, combattente italiano YPG e a tutti gli internazionalisti che in questo momento si trovano in Rojava per continuare a difendere questo esperimento rivoluzionario di convivenza tra i popoli e le religioni, che tiene al centro la libertà delle donne e l’ecologia, continuiamo a mobilitarci".

Attualmente viene applicata la sorveglianza speciale nei confronti di Eddi, Jacopo e Paolo, tre italiani che hanno partecipato ai combattimenti contro all'ISIS, come Orso, partigiano di Rifredi. Lunedì 16 avrà luogo a Torino l’ultima udienza del processo che li vede al banco degli imputati.

"Dopo la bella e importante manifestazione di ieri pomeriggio, anche oggi eravamo in piazza al fianco dei movimenti e di quelle realtà che tengono alta l’attenzione sulla causa curda -dichiarano Dmitrij Palagi e Antonella Bundu, consigliere e consigliera comunale di Sinistra Progetto Comune- La guerra di Erdogan non è finita, anche se la politica a larga maggioranza pare volerla rimuovere. La città di Lorenzo Orsetti non può non vedere e dimenticare, deve stare con la sua famiglia nella battaglia per la difesa del Rojava. La resistenza democratica e progressista ha bisogno del sostegno internazionale. Siamo orgogliosi di essere dalla parte giusta di questa battaglia, mentre Eddi, Jacopo e Paolo sono processati in questi giorni per aver scelto di andare a combattere l’Isis. #RiseUp4Rojava è una giornata di mobilitazione internazionale a cui anche Firenze ha risposto!". 

Redazione Nove da Firenze