Poste Italiane invita 3.000 sindaci a Roma per organizzare il futuro: evento senza precedenti

Al Roma Convention Center - La Nuvola, o Nuvola di Fuksas, nel quartiere EUR di Roma, ci sarà anche Nove da Firenze


I vertici di Poste Italiane saranno a Roma il 26 novembre, per incontrare circa 3000 sindaci di piccoli comuni da ogni angolo d'Italia. 
 Annunciata la presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del vicepremier e Ministro dell'Interno, Matteo Salvini e del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno.

L'obiettivo è "rilanciare la capillarità" della rete radicata sul territorio nazionale. L'Amministratore delegato Matteo Del Fante ha trovato numerose adesioni, specialmente da parte di quei territori sotto ai 1000 abitanti in cui la presenza di un Ufficio Postale è da sempre presidio di servizio pubblico. 
L'invito di Del Fante recita oggi "Intendiamo promuovere un dialogo diretto e permanente, inteso e proficuo"

 Un evento al quale nessun primo cittadino intende mancare perché "saranno annunciate nuove iniziative da realizzare nei prossimi mesi".
Soprattutto dopo il resoconto di inizio novembre sulle prossime strategie aziendali che vedono Poste Italiane proiettate nel futuro digitale con i pagamenti in moneta elettronica e con la diversificazione dei servizi tradizionali.

 Un tema, quello della sopravvivenza degli uffici nei centri minori, che ha visto i sindaci toscani scendere in piazza e radunarsi nel capoluogo per scongiurare chiusure ed accorpamenti, mentre il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, metteva mano a possibili contromisure come l'istituzione di uffici mobili su quattro ruote in grado di garantire la copertura dei servizi nelle aree periferiche, soprattutto i comuni montani.

Antonio Lenoci