Notte Europea dei Ricercatori 2019: tanti gli appuntamenti in Toscana

Conferenze, esperimenti, laboratori nei luoghi della scienza, ma anche nelle piazze. ​I ciclamini del GILS sostengono un giovane ricercatore


Venerdì 27 settembre, tutta la Toscana festeggerà la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori. È tutto pronto infatti per la 14^ edizione in centinaia di città europee, promossa dalla Commissione Europea nell’ambito delle azioni Marie Skłodowska–Curie e finanziata dal programma Horizon 2020. Obiettivo della manifestazione, diffondere la cultura scientifica e stimolare il coinvolgimento dei cittadini nella ricerca, creando occasioni di incontro e di dialogo tra ricercatori e non addetti ai lavori.

Firenze è previsto un programma particolarmente ricco, per iniziativa dell’Università, con il patrocinio del Comune di Firenze e in collaborazione con il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino - che ospita la maggior parte delle iniziative -, con il Conservatorio Luigi Cherubini, l’Istituto Universitario Europeo e con altri enti culturali e di ricerca.

A Lucca, le luci della ricerca saranno puntate sul Complesso di San Francesco, dove la Scuola IMT Alti Studi Lucca, organizza l’edizione 2019 con un’attenzione particolare verso i bambini e i ragazzi. Tante le attività, i laboratori, le conferenze e gli eventi – tutti gratuiti – organizzati in cinque diverse aree tematiche: vita e tecnologie, patrimonio culturale europeo, meraviglie naturali, cibo e salute per tutti, società di oggi e domani. La giornata si apre alle 10.00 con un incontro dedicato agli studenti delle scuole superiori, curato dal Professor Marco Paggi, ordinario di Scienza delle Costruzioni della Scuola IMT: Architettura, ingegneria e materiali innovativi visti attraverso il dialogo tra forma e resistenza, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Lucca e Massa Carrara. A partire dalle 16.00, ricercatori e studenti della Scuola mostreranno i risultati delle proprie ricerche tra i tanti stand disposti lungo i chiostri del Complesso di San Francesco, sede del Campus IMT. Nell’area sarà possibile trovare anche altri enti del territorio legati al mondo della ricerca. E sempre dalle 16.00, tutto il complesso, tra la sagrestia, i chiostri, le aule e il refettorio e la Sala Canova, si animerà di iniziative dedicate ai più piccoli per avvicinarli alla scienza attraverso il gioco: si comincia con A nerd dogma, gioco di ruolo (ore 16:00); alle 17:00, Le bolle di sapone: dal gioco alla scienza e La notte dei ricercatori viventi… aiuta ricercatori e scienziati a sconfiggere gli zombie che vogliono invadere la terra! in collaborazione con il Polo tecnologico Lucchese. Alle 18 È più di un gioco, attività per bambini in collaborazione con Lucca Crea e Un pomeriggio alla scoperta del cervello. Alle 16:30 prevista anche la merenda!

Bright Lucca è anche musica. In programma per le 18:00 una visita guidata alla biblioteca dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Luigi Boccherini”, mentre dalle 18.30, le vie e le piazze del centro storico risuoneranno delle note della “New Generation Street Band. Alle 19:00, porte aperte del campus della Scuola IMT per una visita guidata.

La Cappella Guinigi ospiterà due conferenze: alle 19:00, Le attività del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, con Emanuele Pellegrini, Professore associato di Storia dell’Arte della Scuola IMT e il Maggiore Lanfranco Disibio, Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze. Alle 21:00, il Direttore della Scuola IMT, Pietro Pietrini, introduce Il cervello nello spazio. Simulazione del volo umano su Marte. Interviene Angelo Gemignani, Professore ordinario di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica dell’Università di Pisa.

Aperitivo per tutti alle 20:00 nel Chiostro di San Francesco, prima dello spettacolo di danza con Movinart Dance Studio e il concerto di chiusura in Piazza San Francesco con le band “Formiche nell’orto” e “Gold Five”.

All’interno del Chiostro di San Francesco, i ricercatori dell’INGV allestiranno un’esposizione con un viaggio nel tempo che ripercorrerà i cambiamenti climatici della Terra ricostruiti grazie agli indizi che hanno lasciato nelle concrezioni di grotta e nei sedimenti dei fondali marini.

A Pisa l’edizione 2019 prevede una serie di eventi che vedrà protagonisti università e i centri di ricerca promotori dell’iniziativa: Università di Pisa, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna, CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche, INFN - Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Ego-Virgo Cascina. I ricercatori mostreranno i risultati delle proprie ricerche a partire dalle 16.30 presso stand in Largo Ciro Menotti, Logge di Banchi, in Piazza Martiri della Libertà e nella sede della Scuola Sant’Anna; ne parleranno con i cittadini negli aperitivi della ricerca, nelle librerie e nei seminari organizzati dal CNR nell’area di San Cataldo; i più piccoli potranno divertirsi con i giochi alla scoperta del mondo o partecipando agli incontri a loro dedicati in libreria; biblioteche, collezioni e laboratori degli enti di ricerca coinvolti rimarranno aperti e ospiteranno visite guidate per adulti e bambini. Il programma di intrattenimento prevede il video-mapping “La Sapienza Night Experience”, un viaggio nel tempo e nella storia dell’Università di Pisa che animerà il Palazzo della Sapienza, uno dei luoghi simbolo di dell’Ateneo. Al Cnr, nell’Area di San Cataldo, saranno allestite due mostre fotografiche, un osservatorio astronomico e dopo la consueta “Spaghettata della Ricerca” ci sarà la proiezione del film della “Brigata dei dottori” dal titolo “La brigata in vacanza”. Per il Sant’Anna sarà attiva l’edicola Bright animata da Marco Martinelli in Piazza Garibaldi. L’ingresso a tutte le manifestazioni è gratuito, così come il servizio di navetta per collegare gli eventi organizzati in centro con quelli dell’Area San Cataldo (CNR e Dipartimento di Chimica).

Filo conduttore delle attività proposte a Pisa dai ricercatori dell’INGV di Pisa e Portovenere nell’ambito del progetto Bright saranno i vulcani. I visitatori potranno navigare dai fondali del Mar Tirreno alla scoperta dei vulcani sottomarini per poi volare su Marte a esplorare il Mons Olympus, la montagna più alta del Sistema Solare. Non mancherà, inoltre, un aggiornamento sulle eruzioni parossistiche che hanno recentemente interessato l’isola di Stromboli.

Anche Livorno avrà la sua notte scientifica dal titolo “Itinerari alla scoperta dei luoghi della Ricerca e della Scienza della Città di Livorno” voluta e organizzata dall'assessora all'innovazione e università Barbara Bonciani. Venerdì 27 settembre a partire dalle 17,30 si svolgerà una serie di iniziative che avranno come meta i luoghi della scienza di Livorno: Villa Letizia, Scoglio della Regina, Dogana d'Acqua. L'iniziativa offre due itinerari. Il primo itinerario ha inizio alle 17,00 ed è un percorso culturale in battello e a piedi alla scoperta di Dogana D'Acqua e Scoglio della Regina. Seconda partenza alle 18. Il ritrovo è in piazza Giovine Italia (sotto l'Istituto Nautico Cappellini). Il percorso ha una durata di tre ore. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria. I numeri da chiamare sono : 0586/894563 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 18,30. Info: giro.battello.livorno@itinera.info. Indicare: cognome, numero passeggeri e contatto telefonico. L'altro itinerario è in bicicletta. Il Ciclotour alla scoperta di Villa Letizia e dello Scoglio della Regina, a cura di Fiab e Circolo Mtb Porto di Livorno, parte alle 17,30 dalla Rotonda di Ardenza. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti. Il percorso sarà principalmente lungo la pista ciclabile sul lungomare di circa 5 chilometri. Durante la visita al Polo Universitario di Villa Letizia sarà offerto un apericena. In caso di maltempo la pedalata sarà annullata. Allo Scoglio della Regina dalle ore 20,30 si terrà uno spettacolo teatrale sul tema della ricerca scientifica. Gli attori che lo rappresentano sono Eleonora Zacchi, direttrice del Centro Artistico Il Grattacielo ed Emanule Barresi, direttore artistico del cinema/teatro I Quattro Mori.

La Giornata del Ciclamino, appuntamento storico promosso dal Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia approderà in oltre 100 piazze italiane domenica 29 settembre per sostenere la ricerca contro la Sclerodermia, malattia rara, e favorirne la diagnosi precoce, unica arma per scoprire la patologia, anche anni prima che si manifesti. Il ricavato dell’offerta dei ciclamini contribuirà a finanziare un Bando di Ricerca pubblico di 30.000 Euro, con tema libero sulla patologia, riservato a un giovane ricercatore sotto i 40 anni, e un progetto da 20.000 Euro da dedicare a borse di scambio per brevi periodi da suddividere tra le nove Scleroderma Unit promosse da GILS. La Giornata del Ciclamino rappresenta per il GILS un’occasione fondamentale per diffondere conoscenza su una malattia ancora poco nota e favorirne, quindi, la prevenzione tramite una diagnosi precoce, decisiva ai fini della qualità della vita dei pazienti e della loro sopravvivenza. Per questo, anche per questa edizione, gli ospedali parteciperanno al progetto "Ospedali Aperti" con controlli e consulenze gratuiti dal 26 al 29 settembre, secondo la loro programmazione. In Toscana, tutti i cittadini che hanno riconosciuto i primi sintomi sono invitati a fare controlli gratuiti presso i seguenti ospedali:

VENERDÌ 27 SETTEMBRE DALLE 9 ALLE 12

Azienda Ospedaliera Careggi

Ponte Nuovo – SOD Reumatologia, Scleroderma Unit – Padiglione 28 C 1° piano

Via Delle Oblate, 4

FIRENZE

Prof. Marco Matucci Cerinic

Prof.ssa Serena Guiducci

VENERDÌ 4 OTTOBRE DALLE 9 ALLE 12

A.O.U. Pisana

OU Reumatologia

Viale Roma, 67

PISA

Prof.ssa Marta Mosca

Dott.ssa Alessandra della Rossa

Oltre ai numerosi volontari presenti ai banchetti in tutta Italia, scenderanno in campo a sostegno dell’iniziativa anche i testimonial del GILS, Mara Maionchi, Lorenzo Cittadini, Vito Di Tano e Franco One.

Redazione Nove da Firenze