Neve: in blocco i mezzi pesanti su A1 e FiPiLi

Traffico bloccato anche sulla SS64 `Porrettana` per un mezzo pesante intraversato. Copiosa nevicata in Val di Bisenzio. Da stanotte alle 23 Allerta meteo. Trombi: “Lasciare al gelo le persone è semplicemente barbarie"


"La Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze è già pronta con mezzi e operatori ad intervenire per arginare eventuali emergenze create dalla neve, in collaborazione con l'ufficio Viabilità": Angelo Bassi, consigliere delegato alla Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze, avverte che alcune misure sono state prese sulla A1 - dove c'è una situazione da codice rosso dalle 3.30 di questa notte - per incolonnare i mezzi pesanti mentre sulla FiPiLi è stato predisposto il blocco dei mezzi pesanti a Empoli Ovest con accumulo a Empoli Terrafino. La situazione è dunque "sotto controllo. Molto dipenderà dalla durata delle nevicate, se di poche ore o se continuative durante la giornata. In ogni caso noi siamo pronti anche a supporto degli autisti bloccati sui loro mezzi".

A causa delle forti nevicate lungo la ferrovia Porrettana sono stati cancellati i treni 6380 e 6385 nel tratto Pistoia-Porretta. Il provvedimento è stato deciso dopo che, a partire dalle ore 12.00, l'abbondanza delle precipitazioni ha portato a dichiarare lo stato di emergenza. I due treni non sono stati sostituiti con bus a causa dell'impraticabilità delle strade provinciali.


E' una nevicata intensa quella che sta interessando la parte alta della Val di Bisenzio. L'intervento continuo di due spazzaneve lungo la SR 325, da La Pusignara a Montepiano, e lungo la Sp 1 sta limitando i disagi alla circolazione ma la raccomandazione è di non mettersi in viaggio se non strettamente necessario. Insieme alla neve anche il vento sta impegnano gli uomini e i mezzi della Provincia. Sempre in vallata una squadra è infatti più volte intervenuta per liberare la carreggiata da alberi caduti a causa del peso della neve e il forte vento. La parte bassa della vallata è invece interessata da fenomeni di carattere temporalesco, seppur con intensità in calo. Gli accumuli segnalati dai pluviometri in funzione a Cantagallo e Colle Bisenzio sono rispettivamente 33.20 mm e 32.20 mm, mentre l'idrometro di Gamberame segnala una profondità del Bisenzio di 1.12 mt in progressivo calo. Fra Vaiano e la Tignamica si sono verificate fuoriuscite di acqua dal sistema fognario che non è stato in grado di smaltire le grandi quantità di pioggia. Anche in questo i disagi alla circolazione sono stati limitati dal pronto intervento di una squadra provinciale che ha liberato e ripulito i tombini.



La strada statale 64 `Porrettana` il traffico è provvisoriamente bloccato in entrambe le direzioni nel comune di Vergato (dal km 57 al km 62), in provincia di Bologna, a causa di un mezzo pesante e alcune auto intraversati sulla carreggiata. Mezzi spargisale e sgombraneve sono in azione lungo tutta la tratta, interessata da abbondanti nevicate.



Il Centro Funzionale della Regione Toscana ha emesso una allerta meteo per neve dalle ore 23 del 05 febbraio alle ore 17 di domani, 6 febbraio. Sono previste nevicate abbondanti in Appennino a quote collinari (oltre 300-400 metri) e fino al fondovalle sui versanti emiliano-romagnoli dell'Appennino fiorentino ed aretino compreso il Mugello e il Casentino. Per tutte le zone del territorio provinciale emessa vigilanza meteo per pioggia con precipitazioni diffuse in genere di debole-moderata intensità che potranno assumere localmente carattere di rovescio. Inoltre, previsto vento forte da nord-est sulle zone appenniniche.

"Da una parte famiglie, bambini, anziani e senzatetto, dall’altra - purtroppo - la Legge e noi benpensanti.Ho la netta sensazione che si stiano perdendo pezzi di umanità senza rendersene conto -afferma Giacomo Trombi (SEL-FRS)- Se ragioniamo un attimo, provando a sgomberare la mente e a fare un passo indietro, magari uscendo dai nostri tiepidi salotti, la situazione è terribile: con il freddo che incombe - è allerta meteo per i prossimi giorni, con neve e gelo in arrivo - il nostro Stato, grazie alla splendida legge varata dal Governo Renzi, afferma sarcasticamente il consigliere Trombi di Firenze Riparte a Sinistra, di fatto individua come priorità far presidiare i contatori dell’ENEL per scongiurare che gli occupanti dell’Hotel Concorde possano procurarsi l’energia elettrica che serve loro per scaldarsi, piuttosto che trovare una sistemazione. Per non parlare di chi si è espresso con parole di un cinismo terrificante circa la situazione dell'Hotel Concorde - dove stanotte uomini, donne, vecchi e bambini si sono scaldati con le candele. Sono amareggiato e mortificato, e non ho alcuna intenzione di entrare nel merito della questione: per me la priorità, adesso, è una e una soltanto: trovare un riparo caldo per le 80 persone che rischiano di restare al gelo. Auspico che il Comune compia tutto quanto è in suo potere, ricordando la spregiudicata umanità di La Pira, per ristabilire un minimo di giustizia umana. Poi, quando tutti saremo al caldo, potremo ragionare più serenamente di tutto il resto".

Redazione Nove da Firenze