Rubrica — Spettacolo

Lorenzo Baglioni-Mario Tozzi: inedito duo al Corsini di Barberino

Lo show ambientalista del cantante e del geologo nel programma del teatro. Festa d'inaugurazione il 25 ottobre


Con l’arrivo dell’Autunno arriva anche la nuova Stagione di Prosa del Corsini di Barberino di Mugello: “Teatro Bene Comune". In attesa di conoscere nello specifico tutti i progetti e le iniziative del Corsini, inizia la campagna Abbonamenti “Io Mi abbono perché…”, che attraverso le testimonianze di vecchi e nuovi abbonati, ambisce a rimettere il teatro al centro della Comunità. 

Anche per questo il lancio della nuova Stagione si accompagna a una promozione speciale che porta il costo dell’abbonamento completo a 10 spettacoli, da € 100,00 a € 80,00 per chi si abbona entro domenica 13 ottobre.

In quest’ottica di partecipazione diffusa, il primo appuntamento è fissato per venerdì 25 ottobre con una vera e propria Festa di Inaugurazione della Stagione affidata a Catalyst e al Centro Ricerca Formazione che portano in scena il capolavoro di Brecht "Un’Opera da tre soldi", nell’originale rilettura firmata da Riccardo Rombi. Ricco di appuntamenti il mese di novembre con l’omaggio al grande Gigi Riva di Cadadie Teatro “Cagliari ai dì dello scudetto” (giovedì 7/11 evento a scelta), l’evento itinerante riservato agli Abbonati del Corsini che potranno assistere al nuovo spettacolo di Michela Murgia “Dove sono le donne” in scena al Teatro Puccini di Firenze; sempre per novembre, venerdì 15, è fissata la prima delle cinque serate che Anna Meacci dedicherà alle vite di donne e uomini straordinari, protagonisti del progetto “Persone” che attraverserà l’intera stagione con un appuntamento cadenzato al mese; domenica 24, nell’ambito del progetto “Dalla parte delle donne”, la grande Lucia Vasini porterà in scena le parti femminili di Mistero Buffo, un appuntamento da non perdere prodotto dalla storica Compagnia Dario Fo - Franca Rame. 

Dicembre vedrà il ritorno al Corsini dell’eclettico Giulio Casale, protagonista con Giulia Briata dell’adattamento teatrale de “Le Notti Bianche”, una nuova produzione tra teatro, musica e letteratura, firmata Catalyst e Corvino produzioni. E sempre all’insegna dell’incontro tra musica e teatro gli altri spettacoli delle feste doi Dicembre, con l’anteprima assoluta del nuovo spettacolo di Riccardo Rombi e i Camillocromo “Alfonso Castaldi Pristol Hotel” e l’atteso ritorno del Trio Trioche con l’irresistibile “Troppe Arie” che dopo aver toccato i teatri di mezza Europa ci traghetterà nel nuovo anno per uno spettacolo di Capodanno adatto davvero a tutte le età.

Ancora da definire la data di gennaio in cui l’inedito duo formato dal geologo Mario Tozzi e dal matematico cantante Lorenzo Baglioni ci inviteranno a parlare e a riflettere su ambiente e futuro con il nuovo spettacolo “Clima. Tempo scaduto”. Ancora a gennaio, venerdì 24, uno spettacolo corale di grande suggestione con il “Platonov” firmato da Michele Sinisi per Elsinor / Mulino di Amleto, e, come ogni anno, il ricordo della Giornata della Memoria con lo spettacolo “Shoa. Frammenti per una ballata” con Fabrizio Saccomanno e le musiche da vivo di Redi Hasa. A febbraio ancora un graditissimo ritorno, quello di Paolo Hendel con il nuovo spettacolo “La giovinezza è sopravvalutata”, un’autentica confessione autoironica, diretta da Gioele Dix, per raccontare con una risata liberatoria, gli anni che passano, con tutto ciò che questo comporta, ansie, ipocondria, visite dall’urologo, la moda dei ritocchini estetici. Chiude il mese di febbraio, sabato 29, lo spettacolo di Paola Fresa, “Il problema” dedicato al tema dell’Alzheimer e realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Ricerca Alzheimer. Marzo, da sempre, mese delle donne vedrà in scena la brava Daniela Morozzi, con “Amy. Storia di un naufragio”, spettacolo che traendo spunto da un racconto di Conrad affronta il tema senza tempo della migrazione con una storia che sembra scritta oggi. A chiudere un cartellone, ancora in divenire, “Aprile Civile” un percorso in tre spettacoli a carattere stirico/civile: “Piccola Patria” di Capotrave e “Scalpicci sotto i platani” di e con Elisabetta Salvatori.

informazioni Catalyst Teatro Corsini 055 331449

Redazione Nove da Firenze