Livorno: la centrale piazza Dante infestata dai topi

Situata vicino alla Stazione ferroviaria, da tempo vede il proliferare dei roditori anche perché molti lasciano il cibo per terra o sulle panchine. Il Comune intanto poterà le piante perché la folta vegetazione facilita il loro scorrazzare


Livorno, 27 agosto 2019 - A seguito di alcune segnalazioni da parte dei cittadini, gli uffici tecnici del Comune e di Aamps hanno realizzato un sopralluogo in piazza Dante constatando che, pur non sussistendo infestazioni nelle fognature della zona, sia opportuno intervenire con ulteriore incisività per contrastare la presenza dei topi.

Prioritariamente il Sindaco firmerà un'ordinanza dedicata per la realizzazione di un’operazione straordinaria di derattizzazione in tutta l’area a verde.

Allo stesso tempo saranno attivati gli interventi di potatura delle piante, avendo constatato che lo “scorrazzare” dei roditori nella piazza in varie ore del giorno sia imputabile alla presenza della folta vegetazione.

Abbiamo anche verificato – spiega l’Assessora Giovanna Cepparello – che alcuni edifici di proprietà di Trenitalia risultano inutilizzati e versano in condizioni deficitarie di igiene e decoro. Per questo rappresenteremo direttamente all’azienda la necessità di intervenire rapidamente con interventi manutentivi e di pulizia accurata”.

Il piano di Aamps per contrastare il fenomeno di proliferazione dei ratti prevede un monitoraggio costante della fognatura bianca su tutto il territorio comunale. Le esche sono collocate in aree opportunamente delimitate oppure segnalate da apposita cartellonistica e sono posizionate tramite accorgimenti che rispettano la salute delle persone, degli animali domestici e dell’ambiente e puntano principalmente alla prevenzione e, secondariamente, alla lotta diretta agli infestanti.

Da tempo nella zona di piazza Dante è abitudine di molti lasciare per terra o sulle panchine avanzi di cibo per cui è naturale che i topi ne siano attratti. Aamps conferma che l’insediamento dei topi può essere prevenuto anche attraverso il contributo dei cittadini tenendo conto di alcuni semplici accorgimenti:

  • non abbandonare cibo in terra oppure contenitori di rifiuti privi di coperchio;
  • controllare puntualmente il conferimento dei rifiuti di magazzini e negozi alimentari, ristoranti, bar e mense;
  • i rifiuti solidi urbani devono essere collocati negli appositi contenitori, evitando di depositarli a terra;
  • chi possiede un giardino o cortile privato deve pulirlo costantemente: la scarsa manutenzione, con presenza di erba alta, accumuli di legna e ramaglie, crea le condizioni favorevoli per le infestazioni;
  • se si avvistano roditori all’interno degli edifici è necessario procedere a una radicale pulizia dell’area o dei vani interrati, eliminando ogni materiale accumulato che possa ostacolare tali operazioni;
  • gli accessi devono essere protetti per impedire l’ingresso dei topi (chiudere, quindi, ogni fessura di porte e infissi, ogni foro o apertura presente nelle pareti esterne quali, ad esempio, le piccole demolizioni per l’accesso di tubazioni);
  • le finestre degli interrati devono avere le apposite reticelle metalliche anti-ratto.

Redazione Nove da Firenze