Rubrica — LifeStyle

La seconda edizione di Firenze Flower Show

La mostra mercato di piante rare e inconsuete, il 12 e 13 settembre 2020, al Giardino Corsini di Porta al Prato


Dopo il successo della prima edizione nel maggio del 2019, la mostra botanica torna con la sua seconda edizione a Firenze nel Giardino Corsini del centro storico dal 12 al 13 settembre 2020, stavolta proponendo i caldi e spettacolari colori dell'autunno.

A fare da cornice alla manifestazione sarà appunto una delle più belle location del centro fiorentino: l'incantevole Giardino Corsini ai piedi dell'omonima villa di Porta al Prato che non ha sicuramente bisogno di presentazioni, luogo amato dai fiorentini e dai turisti.

Circa 60 espositori coloreranno e daranno vita a questo spettacolo naturalistico presentando le rare e inconsuete varietà di piante e prodotti artigianali particolari vicini al tema “green”. Anche quest'anno con l'attiva partecipazione e collaborazione di tutte le istituzioni locali tra cui Comune, Regione, Univesità degli Studi di Firenze, e Associazioni e realtà fiorentine, ma anche nazionali come L'accademia Italiana del Galateo.

Il percorso fiabesco che i visitatori potranno trovare passerà infatti per tutte le varietà botaniche più particolari, introvabili: si potrà passeggiare immersi in un'esposizione di piante carnivore da collezione, dalle più piccole alle più imponenti, coloratissime orchidee dalle più comuni alle più rare e particolarissime specie di piante grasse, l'una diversa dall'altra e l'una più singolare dell'altra.

La spettacolarità dell'evento proseguirà poi all'interno di un vero e proprio museo degli agrumi, con esemplari tra i più rari e antichi, oltre che le varietà più tradizionali che in autunno ci regalano una ricchezza di profumi e colori.

Non mancheranno alberi da frutto, da quelli del benessere a quelli più antichi insieme ad una vasta collezione di graminacee ornamentali, di piante perenni che in ogni momento dell'anno regalano fioriture, tra le foglie di verde intenso e gli accesi colori.

Per gli amanti delle acidofile non mancherà un vasto assortimento di camelie, già pronte per la fioritura autunnale-invernale, collezioni di aceri giapponesi e una coloratissima e particolarissima gamma di flora australiana e sud-americana.

Il pubblico resterà stupefatto dalle poetiche piante acquatiche, dalle rarissime e irreperibili tillandsie, dai pelargoni botanici, dalla vasta collezione di rose antiche e moderne e dalle meravigliose iris in 300 varietà diverse.

Il pubblico sarà coinvolto anche in un percorso che si intreccia con quello botanico: molti gli espositori che porteranno primizie culinarie come il peperoncino in tutte le sue declinazioni, tipologie di frutta essiccata, e di spezie. Numerosi anche gli artigiani di nicchia provenienti da ogni parte d'Italia, ciascuno con la propria particolarità: dall'ecoprinting, ai foulard di bamboo, dalla ceramica raku alle coperte da pic nic , dall'attrezzatura da giardinaggio ai prodotti in vimini.

Come ogni edizione, all'interno della manifestazione ci sarà un angolo enogastronomico, dove, per il pubblico sarà possibile sostare e godere di deliziose primizie culinarie.

Per il pubblico che parteciperà a Firenze Flower Show sarà impossibile annoiarsi grazie all'ampio ventaglio di attività collaterali gratuite che si succederanno per tutti i due giorni: gli esperti del settore metteranno al centro il giardinaggio di qualità e di conseguenza tutte le loro conoscenze in campo florovivaistico. Un'occasione sia per i più esperti e appassionati del settore, sia per i neofiti che non hanno ancora sviluppato il pollice verde. Anche per i più piccini ce n'è per tutti i gusti: dalle attività di giardinaggio agli appuntamenti sul mondo degli animali: potranno infatti assistere ad uno spettacolo legato all'entomologia, con curiosi risvolti scientifici, e cioè il lancio di coloratissime farfalle Macaone che andranno a ripopolare la città.

Redazione Nove da Firenze