Rubrica — Editoria Toscana

I "Giovani" di Tozzi al Gabinetto Vieusseux

Il volume che sarà presentato giovedì 13 giugno inaugura l'edizione nazionale dell'opera omnia dello scrittore senese. Ancorché postuma, è l'unica raccolta approvata dall'autore


Giovedì 13 giugno (ore 17,30) presso la Sala Ferri del Gabinettto Vieusseux, Riccardo Castellana, Paola Italia, Guseppe Nicoletti, Marco Marchi e Franco Tomasi presenteranno Giovani a cura di Paola Salatto, Prefazione di Romano Luperini, Edizioni di Storia e letteratura, 2018

Il volume inaugura l'Edizione nazionale dell'opera omnia di Federigo Tozzi, patrocinata dal Ministero dei beni culturali. Unica raccolta approvata e licenziata dall’autore, ancorché postuma, Giovani rappresenta senz’altro il nucleo qualitativamente più significativo della novellistica dello scrittore senese.

I 21 racconti scelti allora dall’autore vengono qui riproposti in edizione critica, disposti secondo l’ordine voluto da Tozzi, con un’appendice di ulteriori tre novelle originariamente inserite nel progetto, ma poi mai inviate alla Casa Treves, che di quel volume curò la pubblicazione sul finire dell’estate del 1920, senza una previa correzione delle bozze da parte dell’autore, prematuramente scomparso pochi mesi prima. Il testo è ricostruito da Paola Salatto con criteri filologici secondo la collazione tra i principali testimoni: manoscritti e dattiloscritti, prima stampa in rivista, stampa postuma in volume.

Redazione Nove da Firenze