I benefici fisici e mentali della meditazione

​L’epoca in cui abitiamo ci porta ad ascoltare più l’esterno che l’interno di noi stessi e a considerare il tempo solo in maniera quantitativa e non qualitativa.


Questo e molto altro contribuisce a generare nell’essere umano una sensazione di irrequietudine e ansia verso un futuro che ancora non esiste, un senso di malessere generale dovuto al fatto che nessuno più riesce ad ascoltare se stesso, nessuno riesce a stare seduto immobile in una stanza con pareti bianche per un tempo prolungato senza sentirsi inquieto. Per ritornare a stare bene e in armonia con noi stessi è conveniente tornare ad ascoltare il ritmo del respiro e sintonizzarlo con le stesse frequenze del nostro corpo: solo in questo modo possiamo risvegliare la capacità di autoguarigione dell’ organismo in piena coscienza e riscoprire nuove potenzialità energetiche nascoste in ognuno di noi.

Per raggiungere questo obiettivo, oggi parleremo della meditazione che, con la sua saggezza millenaria, dalla notte dei tempi è sopravvissuta fino ad oggi. Prima di parlare dell’essenza della meditazione è bene scoprire cosa vuol dire esattamente. Il termine deriva dall’etimologia mederi cioè “trovare le giuste misure”; l’equilibrio dell’uomo si trova al centro, in quel punto privo di estensione che allo stesso tempo contiene tutto (vedi l’esempio del mandala: un simbolo che rappresenta l’universo attraverso forme concentriche e che, osservato per un lungo tempo, può portare ad una meditazione profonda scoprendo la sua vera essenza al centro esatto del cerchio). Spesso siamo stati indotti a considerare l’atto meditativo come qualcosa di complesso e laborioso in cui bisogna sgomberare la mente e cessare l’attività razionale del pensiero. Ecco la notizia: non possiamo smettere di pensare, non possiamo costringere la nostra mente al non-pensiero perché così facendo creeremo solo un ulteriore fattore di resistenza e ingombro nella mente. Il segreto della meditazione non è smettere di pensare ma smettere di Fare. La meditazione è l’arte di non fare niente spegnendo la lampadina della concentrazione e accendendo la luce della deconcentrazione intuitiva che accoglie i pensieri e li lascia fluire.

E’ consigliabile iniziare la pratica meditativa nelle ore più tranquille della giornata, ad esempio la mattina presto o la sera tardi quando tutti gli impegni sono già stati risolti. E’ importante essere consapevoli che l’efficacia della meditazione giunge ancora prima di iniziare proprio perché tutto dipende solo dal nostro stato d’animo. Se ci approcciamo alla meditazione con umore nero e adirato, è possibile che non raggiungeremo il nostro scopo e peggioreremo lo stato d’animo ulteriormente. E’ sufficiente sedersi a gambe incrociate mantenendo la schiena ben dritta, la zona lombare naturalmente inarcata e le spalle basse. Chiudiamo lentamente gli occhi rilassando le palpebre completamente. Se viene difficile sostare a gambe incrociate per un lungo periodo di tempo possiamo sedere su una sedia portando il dorso della mani sulle ginocchia con il palmo delle mani verso l’alto, la schiena deve essere sempre leggermente scostata dallo schienale in modo da consentire all’energia di risvegliarsi dalla base della colonna vertebrale fino alle vertebre cervicali. Se preferiamo è possibile anche distendersi su un tappetino e rilassare tutto il corpo supini allargando leggermente le braccia con il palmo delle mani verso l’alto. La meditazione guidata è un ottima risorsa per sperimentare l’atto meditativo in sicurezza e consapevolezza attraverso una voce esterna. Questa può provenire da un insegnante yoga qualificato presente al momento oppure da un buon file audio. In ogni caso è utile se vogliamo essere condotti verso nuovi orizzonti e sperimentare coscientemente la grandezza dell’infinito dentro di noi presi per mano da una persona qualificata.

Affidiamoci alla terra e arrendiamoci al momento presente. Il respiro diventa sempre più regolare e leggero e quando espiriamo lasciamoci cadere svuotando completamente polmoni e mente. Svuota le tensioni e i blocchi energetici. Cerchiamo di osservare i pensieri come dei fotogrammi che volano via senza essere giudicati e senza trattenerli: meno attenzione daremo ai pensieri più loro perderanno forza e svaniranno. Osserviamo le sensazioni create dalla meditazione come se fossimo spettatori esterni di noi stessi e rendiamoci partecipi della vita che accade dentro di noi quasi dimenticando di essere colui che sente e diventando un tutt’uno con il Sentire. Pratichiamo la meditazione senza pretese e senza aspettative. Presentiamoci alla nostra coscienza con il cuore leggero e con un sorriso sul viso.

Quali sono i benefici della meditazione?

Ecco i benefici fisici:

  1. Ogni cellula si rinvigorisce di nuovo prana (energia vitale)
  2. Abbassa la pressione arteriosa
  3. Diminuisce determinate tensioni al corpo come ad esempio mal di testa, ulcera, insonnia e problemi alle giunture.
  4. Con la meditazione cresce il livello di serotonina nel sangue che migliora l’umore e il comportamento
  5. Migliora il sistema immunitario

Ecco i benefici mentali:

  1. Contribuisce a portare le onde cerebrali nello stato Alpha, incrementando l’autoguarigione. La mente diventa leggera e reattiva.
  2. Aumenta la felicità, la creatività, l’intuito, la chiarezza e la pace della mente.
  3. La mente diventa più acuta, meno attenta ai problemi e più alle soluzioni.
  4. Aumenta la flessibilità e l’attenzione: una mente poco flessibile è naturalmente portata a tensioni, conflitti e frustrazioni.
  5. Sviluppa la stabilità emotiva consentendo di mantenere la calma in qualsiasi situazione.
  6. La meditazione dona all’universo creatività. Quando meditiamo stiamo emettendo nuova energia verso l’ambiente circostante migliorando l’armonia e la stabilità del cosmo

Come la meditazione aggiunge valore alla tua vita:

  1. Migliora le tue capacità comunicative. Chi medita è naturalmente portato ad avere chiarezza mentale che si traduce in una capacità discorsi limpida e diretta. Così come un lago senza onde riflette chiaramente il fondale, così la mente quieta esprime senza ostacoli il suo pensiero.
  2. Aumenta le potenzialità creative. “La creatività è l’intelligenza che si diverte”, così diceva Einstein. Grazie alla meditazione abbiamo la possibilità di risvegliare il nucleo della nostra personalità che aspetta solo di essere evocato dalla giusta coscienza.
  3. Rinfresca la mente. Molte persone passano l’anno a sognare una vacanza estiva, ma la meditazione offre una vacanza gratis dentro la nostra coscienza. Chiudiamo la porta della routine giornaliera fatta di eccessive parole e diamo spazio al silenzio.
  4. Ringiovanisce lo spirito e la pelle
  5. Diffonde felicità e pace
  6. Sviluppa una piacevole personalità. Se emaniamo gioia e serenità, le persone saranno naturalmente attratte dalla nostra compagnia
  7. Dona un costante sorriso
  8. Ti rende padrone del tuo tempo
  9. Ti permette di intravedere l’infinito conoscendo la natura del tuo vero Io.

Se vogliamo ottenere tutti questi benefici è necessario essere costanti e praticare giornalmente almeno 10 minuti Per i neofiti è consigliato praticare con una voce guida attraverso la meditazione guidata, riuscendo facilmente ad entrare in uno stato meditativo.

. La meditazione, come lo yoga, non toglie tempo ma regala tempo in più alla tua vita.

Claudia Signorelli

Redazione Nove da Firenze