Rubrica — La psicologa risponde

Gli psicologi ai dirigenti scolastici: attivate sportelli per bambini e adolescenti

Il 20 novembre in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, nella ricorrenza dell’approvazione della Convenzione ONU. L’assessore comunale Funaro: “Mi auguro che ci siano molte adesioni. Ci faremo promotori”


Venerdì in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza l’Ordine degli psicologi della Toscana, recependo l’iniziativa lanciata a livello nazionale del Cnop e promossa insieme ad Anci, lancia ai dirigenti scolastici toscani un appello per attivare nelle loro scuole sportelli di sostegno per i bisogni di bambini, adolescenti e famiglie.

“Nella situazione di grande stravolgimento che tutti stiamo vivendo esortiamo i dirigenti scolastici ad attivare prima possibile gli sportelli psicologici a sostegno dei bisogni e delle criticità di ogni bambino, di ogni adolescente e di ogni famiglia in linea con quanto deciso dal protocollo di intesa siglato il 6 agosto scorso tra Ministero dell'Istruzione e Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi. Abbiamo a cuore la crescita ed il benessere dei piccoli e dei giovani, tutti noi dobbiamo fare la nostra parte”. A lanciare l’appello alle scuole toscane, Maria Antonietta Gulino, presidente dell’Ordine degli psicologi della Toscana in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, nella ricorrenza dell’approvazione della Convenzione ONU sui diritti dei bambini e degli adolescenti in programma il 20 novembre. “Mai come in questo momento – spiega Gulino - bambini, ragazzi e famiglie hanno vissuto e continuano a vivere mesi di estrema fragilità e di instabilità, che ha ricadute di natura psicologica, sociale e relazionale. Si tratta della fascia di popolazione a cui per prima abbiamo chiesto più sacrifici durante questa difficile emergenza”. “La scuola ha dovuto stravolgere i metodi di insegnamento e si è trovata a distanziare i nostri ragazzi, a cambiare le loro consuetudini, i loro ritmi di vita, il loro metodo di studio, i loro necessari scambi relazionali, complicando la vita delle loro famiglie e togliendo colore al loro futuro”. E proprio per il 20 novembre l'Ordine degli Psicologi della Toscana, recependo l’iniziativa lanciata a livello nazionale del Cnop, promuove questa giornata insieme ad Anci e ai comuni toscani che hanno aderito, invitando gli enti ad illuminare di verde, nel suo simbolico significato di vitalità e rinnovamento, alcuni dei siti più significativi presenti sui loro territori. “Vogliamo mandare un messaggio di speranza alla cittadinanza in questo periodo di grande emergenza – conclude Gulino - La Toscana insieme per i diritti di infanzia e adolescenza”. Gli hastag ufficiali della giornata sono #cicoloriamodiverde e #infanziaeadolescenza.

Appello che viene recepito anche dal Comune di Firenze tramite l’assessorato all’Educazione guidato da Sara Funaro: “Anche quest’anno Firenze aderisce alla Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza - ha detto l’assessore a Welfare ed Educazione Sara Funaro - con l’obiettivo di costruire un mondo migliore per bambini e adolescenti e sensibilizzare i cittadini sull’importanza di garantire i loro diritti. Ancora troppo spesso, purtroppo, i più piccoli e i più giovani vengono discriminati, sono vittime di violenza e vivono in condizioni difficili”. “In occasione della Giornata mondiale aderiamo all’appello lanciato dall’Ordine degli psicologi della Toscana - ha continuato Funaro - ai dirigenti scolastici per attivare sportelli di sostegno per bambini, adolescenti e famiglie. Ritengo che sia uno strumento molto utile per andare incontro ai bisogni di coloro che sono più fragili e mi auguro che molti dirigenti scolastici fiorentini aderiscano. Il mio assessorato si farà promotore di questo appello”.

Redazione Nove da Firenze