Firenze, scarcerato l'aggressore dei vigili

Bussolin (Lega): "Il giudice parla di condotta occasionale ma questa scarcerazione immediata è un fatto altrettanto grave che deve essere approfondito". Draghi (Fdi): "Una resa della giustizia"


“Trovo assurdo – dichiara il Capogruppo della Lega a Palazzo Vecchio Federico Bussolin – rimettere in libertà dopo poche ore il cittadino albanese, aggressore dei vigili. Il Giudice parla di condotta occasionale, ma penso che qualche settimana dietro le sbarre avrebbe reso giustizia alla gravità del fatto”.

“Non bastano – continua – le parole di solidarietà. Abbiamo presentato due mozioni per l’utilizzo di bodycam e la dotazione di strumenti distanziometrici come i manganelli, mi auguro che il Consiglio Comunale le approvi. Oggi i nostri vigili devono potersi sentire al sicuro e protetti mentre svolgono il loro lavoro”.
“La città è ancora scossa – conclude Bussolin – e questa scarcerazione immediata è un fatto altrettanto grave che deve essere approfondito”.

Il capogruppo di Fratelli d'Italia a Palazzo Vecchio Alessandro Draghi torna sul caso dei tre vigili aggrediti in centro l'altro ieri, dopo la notizia della scarcerazione dell'aggressore "dopo appena 24 ore nonostante abbia ferito due vigili, che hanno riportato lesioni".

"E' indice di una giustizia che non funziona bene, le forze dell'ordine si impegnano a far rispettare la legge e puntualmente come in questo caso vengono deluse, sia loro che la cittadinanza intera. Posso anche provare a credere che lo stesso imputato non sarà recidivo, ma potrebbe benissimo non presentarsi al processo o ancora peggio, trasmette un messaggio sbagliato: che chiunque possa aggredire agenti della polizia municipale e rimanere immediatamente dopo a piede libero" commenta Draghi.

Redazione Nove da Firenze