Firenze: c'era un sottopassaggio tra Palazzo Pitti e Forte Belvedere?

Interrogazione di Nencini a Franceschini, per chiedere un'ispezione per trovare tracce della leggendaria galleria sotterranea


“Autorizzare un'ispezione che possa accertare definitivamente la presenza di un sottopassaggio che collegherebbe Palazzo Pitti con il Forte Belvedere a Firenze, considerato che non è stato possibile, ad oggi, effettuare approfondite indagini finalizzate ad accertare la presenza del sottopassaggio, quando sarebbe di grande rilevanza culturale verificare l'esistenza della galleria sotterranea”. E’ la richiesta avanzata dal Presidente della Commissione Istruzione e Cultura del Senato, Riccardo Nencini, attraverso una interrogazione parlamentare rivolta al ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini. Nell’interrogazione si legge ancora: “la fortezza di Santa Maria in San Giorgio del Belvedere realizzata tra il 1590 e il 1595, meglio nota come Forte Belvedere, è un'opera architettonica fiorentina nel punto più alto della collina di Boboli; Palazzo Pitti è un imponente palazzo rinascimentale risalente al 1458, che si trova nella zona di Oltrarno, a breve distanza da Ponte Vecchio; la distanza tra il Forte e il Palazzo è di circa un chilometro se percorsa a piedi".

In una raccolta di piante e schizzi, Odoardo Warren, soprintendente alle piazze forti del Granducato di Toscana, sosteneva vi fosse una galleria sotterranea che collegava Palazzo Pitti con il Forte Belvedere, in particolare scriveva: '...si comunica al Forte Belvedere dal Palazzo de' Pitti per mezzo di una galleria sotterranea. Si educavano in questo palazzo i principi della casa de' Medici ed ora serve di quartiere per gli uffiziali della guarnigione…'.

E' nella tradizione che detto passaggio esista davvero e che vi si abbia accesso da una scaletta in pietra costruita alla fine dell'Ottocento e collocata in Forte Belvedere, non lontana dalla Camera del Tesoro cui lavorò Bernardo Buontalenti. Taluni sostengono invece che al di sotto del giardino vi sia solo un canale di scolo, mentre alcuni geologi hanno a loro volta appurato che non vi sia un semplice tunnel, ma un manufatto di mattoni. Sarebbe dunque utile approfondire, conclude Nencini nell’interrogazione.

Redazione Nove da Firenze