Droga fatta in casa: la stanza della marijuana

Un carabiniere, libero dal servizio, nel transitare in località San Donnino, ha assistito ad uno scambio di droga


. Il militare riusciva a vedere che un giovane, poi tratto in arresto, aveva ceduto ad un giovanissimo un involucro ricevendone in cambio del denaro. Il militare immediatamente ha contattato i colleghi della locale Stazione per effettuare un controllo. I primi accertamenti hanno permesso di rinvenire nella disponibilità del giovane circa 2,2 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana mentre nella disponibilità di colui che aveva ceduto l’involucro la somma in contanti di Euro 20,00.

I militari dell’Arma però non si sono limitati a eseguire il controllo ma insospettiti dal comportamento del fermato hanno deciso di approfondire gli accertamenti presso l’abitazione dell’uomo, sita in Prato, hanno permesso di scoprire che l'uomo aveva messo su una vera e propria piantagione di marijuana nell'appartamento, nonché della sostanza già essiccata.
Nello specifico, i carabinieri. hanno rinvenuto circa 60 grammi di marijuana essiccata, un bilancino elettronico di precisione, nr. 14 buste in cellophane trasparente auto sigillanti vuote, con riportati vari nomi riferibili a varietà di semi di Cannabis Indica e la somma di 300,00 euro.

Un'intera stanza era stata adibita a serra allestita con tende necessarie per coltivare piante di Cannabis. Al suo interno vi erano 10 piante di Cannabis alte circa 1.30 mt. con infiorescenze, 2 piante di piccole dimensioni. L’uomo, un 30enne fiorentino, noto alle Forze dell’Ordine, è stato arrestato per detenzione e coltivazione di stupefacente ai fini di spaccio. Dopo la compilazione degli atti, l’arrestato è stato messo a disposizione della magistratura fiorentina.

Redazione Nove da Firenze