Dal 7 febbraio partono i corsi 2016 del Carnevale di Viareggio

Cinque grandiose sfilate dei carri il 7, 14, 21, 28 febbraio e il 5 marzo. Speciali pacchetti di Hotels e Resort in Versilia


Dal 1873 il Carnevale di Viareggio è la più spettacolare festa italiana che richiama un numerosissimo pubblico proveniente da ogni parte d’Italia e del mondo. Per un mese la città si trasforma nella fabbrica del divertimento tra sfilate di giganti di cartapesta, feste notturne, spettacoli pirotecnici, veglioni, rassegne teatrali, appuntamenti gastronomici e grandi eventi sportivi mondiali.

I CORSI MASCHERATI

Un triplice colpo di cannone è il segnale inequivocabile che a Viareggio inizia la festa. Sparato dal mare dà, ogni volta, il via alla sfilata dei carri. Come per magia i giganteschi mascheroni prendono vita tra movimenti, musica e balli. Uno spettacolo sempre nuovo, entusiasmante ed affascinante. Cinque i grandi Corsi Mascherati, concentrati in un mese unico di grandi festeggiamenti. I giganteschi carri allegorici in cartapesta sfilano sui Viali a Mare nelle seguenti date:

Domenica 7 febbraio – ore 15

1° CORSO MASCHERATO di APERTURA

Al termine della sfilata grande spettacolo pirotecnico di inaugurazione

Domenica 14 febbraio – ore 15

2° CORSO MASCHERATO degli INNAMORATI

Al termine della sfilata grande spettacolo pirotecnico

Domenica 21 febbraio – ore 15

3° CORSO MASCHERATO della PRIMAVERA IN MARE

Domenica 28 febbraio – ore 15

4° CORSO MASCHERATO di GALA

Sabato 5 marzo – ore 18,30

5° CORSO MASCHERATO NOTTURNO di CHIUSURA

Al termine lettura dei verdetti delle giurie

Grande spettacolo pirotecnico di chiusura.

Il mondo della cartapesta: i Musei e la Cittadella

I carri allegorici sono in cartapesta, una tecnica inventata nel 1925 proprio per la loro realizzazione. Questo materiale riciclato, povero e estremamente leggero, consente costruzioni colossali e molto ardite nella scenografia e nella movimentazione. La tecnica della cartapesta valorizza la creatività privilegiando l'operatività manuale e in particolare l'utilizzo ed il recupero di un materiale usa e getta. La povertà dei mezzi utilizzati nella lavorazione come la carta di giornale, la colla di farina, la creta, il gesso, i giunchi, costituisce la caratteristica della grande tecnica viareggina. La Cittadella del Carnevale è uno straordinario complesso architettonico, interamente dedicato alla creazione e alla conservazione del Carnevale di Viareggio. Su una gigantesca piazza ellittica, arena per grandi spettacoli all'aperto in estate, si affacciano sedici hangar-laboratori in cui i costruttori creano i giganteschi carri allegorici che con le loro immagini grottesche comunicano sorrisi e buonumore. Due i Musei: uno dedicato alla storia dei carri del Carnevale e l'altro al Carnevalotto, preziosa collezione di opere d'arte di grandi firme contemporanee ispirate al Carnevale di Viareggio.

Burlamacco

Simbolo del Carnevale di Viareggio è il Burlamacco, che apparve per la prima volta sul manifesto del 1931, ideata da Uberto Bonetti, pittore e grafico futurista. Prendendo spunto dalle maschere della Commedia dell'Arte e disegnandola in chiave futurista, Bonetti volle riassumere nella maschera i due momenti clou della vita della città di Viareggio: l'estate (con i colori bianco e rosso tipici degli ombrelloni sulle spiagge negli anni Trenta) e il Carnevale. Ogni anno al Carnevale si associa un nuovo manifesto ed una cartolina.

Un incontro internazionale dedicato al Carnevale, in un confronto fra culture e tradizioni diverse. Sarà un importante momento di conoscenza e approfondimento, il 1° Simposio internazionale “Dialogo tra culture - Carnevali nel mondo”, che si terrà dal 3 al 7 febbraio 2016 in due diverse location: il 3 e 4 febbraio a Firenze, all’Auditorium al Duomo di via de’ Cerretani 54/r e il 5 e 6 febbraio alla Sala congressi del Palace Hotel di Viareggio e alla Cittadella del Carnevale (il 7 febbraio è in programma la sfilata del Carnevale a Viareggio). Il Simposio è promosso da Fondazione Romualdo Del Bianco, dall’Istituto Internazionale Life Beyond Tourism di Firenze e dall’Università di Nariño (Pasto, Colombia), in collaborazione con la Fondazione Carnevale di Viareggio. I caratteri della celebrazione di molte tradizioni rituali basate su travestimenti hanno origini in festività antiche differenti tra loro e appartenenti al mondo delle tradizioni popolari. In queste manifestazioni artistiche vi è un’ampia apertura ai sentimenti e ai pensieri umani: sono espressione di incontri in cui convergono tutti i popoli nelle loro differenze sociali, etniche, economiche, politiche e religiose. Tra queste manifestazioni artistiche c’è il Carnevale, una festa urbana che in Occidente trova origine in antiche cerimonie di epoca greca e romana e solitamente si manifesta con balli e mascherate. Le usanze sono spesso connesse ad antichi rituali di purificazione, che trovano riscontro anche in altre manifestazioni proprie dell’area Orientale. Oggi, la festa del Carnevale è diventata simbolo di riunioni festose che si realizzano negli spazi pubblici della città, diventando occasioni d’incontro con persone provenienti da diversi background culturali. Tutto questo consente di apprezzare e condividere, all’interno di una grande festa caratterizzata da interessanti diversità, le particolari espressioni artistiche e tradizionali di coloro che vivono queste opportunità per creare spazi di dialogo interculturale, di integrazione e di rispetto per le differenze.
Il simposio ha il coordinamento scientifico di: Claudia Afanador, Università di Nariño, Pasto, Colombia; Olimpia Niglio, segretario dell’Istituto Internazionale Life Beyond Tourism, Firenze, Italia; Jorge Tadeo Lozano, Università di Bogotá, Colombia.
Il simposio si propone di iniziare una riflessione internazionale, con contributi da 18 paesi, sul “Valore del Patrimonio Intangibile” così come definito dall’Unesco, ossia sulle pratiche, rappresentazioni, conoscenze e tecniche che favoriscono un forte sentimento d’identità culturale tra le comunità, i gruppi e gli individui (Unesco, Dichiarazione del 2003). Scopo fondamentale è dare avvio a un appuntamento biennale a Firenze con il fine di analizzare tematiche connesse alle feste urbane e alle mascherate in differenti Paesi del mondo. Per agevolare la partecipazione degli osservatori, gli organizzatori hanno previsto una speciale fee giornaliera di 75 euro (25 euro per studenti), già disponibile online alla pagina web ufficiale dell’evento e acquistabile anche direttamente in sede fiorentina del simposio, all’Auditorium al Duomo. Il Simposio sarà anticipato da quattro mostre fotografiche virtuali sul tema del Carnevale nel mondo. Le immagini che documentano i quattro famosi carnevali sudamericani saranno proiettate nelle sale di Palazzo Coppini – Centro Studi e Incontri Internazionali (via del Giglio 10) dal 25 gennaio all’8 febbraio 2016. In programma, in particolare: “Carnaval de Negros y Blancos de Pasto, Colombia” a cura di Carlos Eduardo Benavides Diaz Gerardo Sanchez; “San Basilio de Palenque - Espacio y cultura. Colombia” a cura di Ana Patricia Montoya Pino, Esteban Solarte Pinta, Jose Mendoza Villamizar; “De Diablos Cojuelos a Tiznaos: personajes del carnaval dominicano” a cura di Gabriel Castillo; “Carnival Rio de Janeiro, Brazil” a cura di Lucia Judice. L’ingresso alle mostre è gratuito. Sempre in occasione del simposio sarà possibile partecipare alla cena / buffet di gala interculturale del progetto “Saperi e Sapori in Cattedra” che si terrà all’ICLAB – Intercultural Creativity Laboratory in viale Guidoni 103, giovedì 4 febbraio, alle ore 19. L’iniziativa quest’anno coinvolge tre scuole turistico-alberghiere provenienti da Repubblica Ceca, Italia e Perù che presenteranno le proprie tradizioni e i piatti tipici della loro nazione in una serata di gala aperta alla città di Firenze. Ogni buffet nazionale sarà composto da un menu completo. Una parte del ricavato della cena sarà donata alla Scuola di cucito “Leila Biagi Dani” fondata da Gocce di Vita Onlus, a Kisoga in Uganda.

Per respirare l’atmosfera spensierata e gioiosa del Carnevale e assistere ai cinque grandi corsi mascherati che sfilano sui Viali a Mare lo storico e lussuoso Grand Hotel Principe di Piemonte, affacciato sul Lungomare, propone un pacchetto speciale che comprende: 1 pernottamento per due persone in camera doppia; colazione a buffet; Brunch domenicale per 2 persone (antipasti, primo e secondo piatto, dessert, bevande e caffè inclusi); omaggio di benvenuto e delizie dello chef; Laboratorio dimostrativo “Carta Pesta” tenuto da un artigiano del carnevale; 2 Biglietti Omaggio per il Carnevale (i bambini di altezza inferiore a 1,2 metri entrano gratis al Carnevale); utilizzo della piscina panoramica con acqua riscaldata a 34° e dell’area fitness. Prezzo del pacchetto a partire da 241 euro per la camera doppia.

UNA Hotels & Resorts accompagna i propri ospiti a scoprire una tra le tradizioni italiane più famose e amate, il Carnevale di Viareggio. Noto in tutta Europa per gli enormi carri allegorici che sfilano sulla passeggiata a mare e sui quali troneggiano enormi caricature in cartapesta di personaggi famosi nel campo della politica, della cultura o dello spettacolo, il Carnevale di Viareggio torna il 7 febbraio, per quattro weekend, sulle coste della Versilia. UNA Hotels & Resorts ha pensato a una particolare promozione che permetterà agli ospiti di assistere a questo bellissimo spettacolo alternando divertimento a momenti di relax, nella meravigliosa struttura dell’UNA Hotel Versilia,situata sul lungomare di Lido di Camaiore, a due passi da Viareggio, e dotata di tutti i comfort: due campi da tennis, una piscina scoperta e una coperta con percorso idrorelax, solarium, sala fitness e un centro benessere con sauna, bagno turco, docce emozionali e la possibilità di farsi coccolare con numerosi trattamenti. Ecco per l’occasione la speciale offerta di UNA Hotels & Resorts:

  • Soggiorno di una notte in camera doppia con ricca colazione a buffet (completa di prodotti per celiaci)
  • Drink di benvenuto
  • Accesso al centro benessere e fitness
  • 1 biglietto a persona per l'accesso ai corsi mascherati (7-14-21-28 febbraio)
  • Un pranzo o cena per 2 persone presso l’UNA Restaurant
  • Noleggio bici (su disponibilità)

La tariffa, valida per il periodo dal 7 febbraio al 6 marzo 2016, parte da 105 euro a persona.

Redazione Nove da Firenze