Big Data: democrazia sul web e globalizzazione nei doc di Mondovisioni

In programma alle 17.30 When bubbles burst e alle 20.30 Terms and conditions may apply


VIDEO — Quando accettiamo i termini d’uso di un sito internet, di un’app o di un servizio telefonico, cosa stiamo davvero facendo? E cosa succede quando i 2800 abitanti di un minuscolo paese in Norvegia si trovano tutti improvvisamente in bancarotta? Queste le tematiche trattate dai documentari della seconda giornata di Mondovisioni – I documentari di Invernazionale, mercoledì 12 marzo al Cinema Stensen (viale Don Minzoni 25/c).

Si parte alle 17.30 con When bubbles burst di Hans Petter Moland, un’indagine alla scoperta del funzionamento nascosto dell’economia globale – accompagnati da premi Nobel, economisti di fama e broker finanziari internazionali – che traccia paralleli storici per capire la crisi attuale e immaginare tendenze e alternative future. La ricerca parte dal caso della cittadina norvegese di Vik, esempio emblematico delle conseguenze della crisi: un idilliaco e benestante villaggio di 2800 anime che è stato risucchiato in investimenti troppo complicati, rischiando la bancarotta. Dopo il film interverrà Simone Siliani, redattore della rivista Cultura Commestibile.

Alle 20.30 le proiezioni continuano con Terms and conditions may apply di Cullen Hoback. Questa indagine di ciò che si nasconde tra le righe dei termini d’uso che accettiamo ogni giorno con un semplice clic svela con esempi affascinanti, casi esilaranti e prove terrificanti ciò che governi e corporation stanno facendo con le nostre informazioni “personali”. Qualsiasi siano le impostazioni di privacy, i dati vengono raccolti e i comportamenti on-line monitorati, rendendo più che mai incerto il futuro delle libertà civili, come confermato dalle rivelazioni di Edward Snowden sulla NSA. L’inchiesta di Hoback dimostra come ognuno di noi, clic dopo clic, abbia progressivamente accettato uno stato di sorveglianza costante. Interviene Roberto Ventrella dell’agenzia Dot. Florence web agency.

)

Mondovisioni a Firenze è realizzato dalla fondazione Stensen con Cineagenzia e la collaborazione di Controradio in sinergia con Laboratorio immagine Donna; Cultura Commestibile; Lungarno e Festival dei Popoli. Tra le associazione che saranno presenti nel foyer dello Stensen le associazioni Artemisia; Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, Cospe, Dot Florence web agency, Emergency, Medu, Fondazione Il Cuore si scioglie, Robert F. Kennedy Center for Justice & Human Rights, Legambiente, Associazione Libere Tutte, Medici Senza Frontiere ed Oxfam.

Redazione Nove da Firenze