La Festa del Grano per fare un salto indietro verso le origini

Domenica 8 si andrà dalla battitura alle mostre, passando per canti e piatti della tradizione


TRADIZIONI —
Una giornata dedicata alla campagna e ad uno dei suoi momenti più suggestivi: la battitura, per tanti anni momento di festa e condivisione.

Domenica 8 luglio, Barberino di Mugello mostrerà colori, sapori e suoni della battitura storica del grano, grazie all’iniziativa promossa dall’Agriturismo Massoserpente, in Via di Pulica, grazie alla collaborazione di Pro Loco e Amministrazione Comunale.

La “Festa del Grano” avrà due momenti importanti: la mattina presso la centralissima piazza Cavour, poi dal pranzo alla cena, presso l’Agriturismo distante qualche chilometro dal centro di Barberino, alle pendici dei monti della Calvana.

Dunque dalle 10 alle 12 il centro di Barberino ospiterà i Canti dei Maggiaioli barberinesi, la mostra di un carro con il grano trainato da buoi e la battitura del grano con il correggiato alla presenza del fattore. Ci saranno poi mostre di antiche attrezzature agricole, di articoli in paglia realizzati e lavorati da donne in costumi anni ’50 e ‘60 e poi la mostra di ricami “Sul filo del tempo” e quella fotografica “Come era il paese di Massoserpente”.

Proprio a Massoserpente ci si sposterà alle 13 per il pranzo tipico della battitura che come da tradizione proporrà la “grandinina col papero”. Dalle 16 poi la sfilata di carri nel parco dell’agriturismo con personaggi dell’arte contadina tutto sempre accompagnato dalle note degli stornelli tipici della campagna mugellana, intonati dai maggiaioli. Sarà quindi ripetuta la battitura col correggiato grazie anche all’antica macchina della famiglia Mongatti e con la presenza del gruppo agricolo di Vicchio, che si affiancheranno alle belle immagini sulla storia della battitura e sulla scuola elementare.

Dalle 18 altre esibizioni del mondo agricolo permetteranno soprattutto ai più piccoli di fare un excursus completo sulla vita della campagna con l’opportunità di provare a mungere il latte, ferrare un cavallo o tosare una pecora.

Alle 19, prima della cena della Battitura, sempre all’agriturismo, sarà effettuata una visita guidata ai ricoveri degli animali da cortile.

Per informazioni, e prenotazioni per i pasti, ci si può rivolgere allo 055-8422610 o al 349-4449006.

Un’occasione interessante per confermare quel legame con le origini contadine del territorio, che anche durante il Cantàmaggio, dimostrano di essere particolarmente apprezzate.

Per informazioni www.prolocobarberino.net

Redazione Nove da Firenze