A Sollicciano scatta la protesta dei detenuti

Ieri sera e fino a tarda notte, i detenuti di Sollicciano (Firenze) hanno protestato per le condizioni di detenzione ricorrendo all’oramai classica battitura di stoviglie e pentolame contro le grate e i blindi delle celle.


EMERGENZA CARCERI — Ieri sera e fino a tarda notte, i detenuti di Sollicciano (Firenze) hanno protestato per le condizioni di detenzione ricorrendo all’oramai classica battitura di stoviglie e pentolame contro le grate e i blindi delle celle.

A darne notizia è il coordinatore provinciale dell Uil Pa Penitenziari di Firenze Eleuterio Grieco.

Da una tabella riepilogativa delle presenze dei detenuti alle ore 17 di lunedì 10 maggio, quindi esattamente un mese fa, a Sollicciano erano presenti 973 detenuti (497 la capienza regolamentare), al Mario Gozzini 73 (89 la capienza regolamentare), mentre risultava ancora inutilizzata la struttura di Empoli.

Redazione Nove da Firenze