Rubrica — Editoria Toscana

Artusi, il Diario di guerra presentato al Geografico Militare

Grande partecipazione e ricordo commosso dell'artigliere fiorentino protagonista della Prima guerra mondiale


"Grazie Giovanni, grazie a tutti coloro che ci hanno permesso di vivere questa storia straordinaria". Con queste parole il comandante dell'Istituto Geografico Militare, generale Pietro Tornabene, ha chiuso la presentazione di "Sempre e dovunque", il diario di guerra di Giovanni Artusi, artigliere nel 15-18 sul fronte del Carso, libro curato dal figlio Luciano e dal nipote Ricciardo e pubblicato dalla Casa editrice Scribo di Aldo Avvenuti. Tutti presenti stamani nella storica sede del Geografico, in via Battisti 10, assieme allo storico Giovanni Cipriani. Grande partecipazione di pubblico, in buona parte militari ma non solo. 

"Grazie a queste pagine - ha sottineato ancora il generale Tornabene - emerge in me un senso di gratitudine per queste persone umili eroi della quotidianità che ci hanno regalato un presente che spesso forse non apprezziamo abbastanza". 

"Volume prezioso - ha detto Cipriani - , per fortuna la famiglia Artusi ha deciso di dare alle stampe questa testimonianza. Complimenti anche alla casa editrice che ha saputo rendere bene questa storia" . "Sono contento e orgoglioso della realizzazione di questo libro", ha infatti evidenziato Avvenuti. 
Luciano Artusi ha mostrato commozione parlando di suo padre. "Quando Aldo mi disse 'questo va pubblicato, è troppo bello...'  per me è stata come una liberazione... Non ci avevo mai provato in realtà poi c'è stata questa occasione e ora sono contento". 
Ricciardo Artusi ha raccontato un particolare interessante: "Il diario è scritto in lapis, in corsivo piccolissimo, non era facile decifrarlo". 

Ma la fatica è l'amore hanno prodotto un libro importante, non solo per la famiglia Artusi ma per l'Italia e la storia. Un libro pieno di notizie e corredato di immagini straordinarie. 

Editoria Toscana — rubrica a cura di Antonio Patruno

Antonio Patruno

Antonio Patruno — Giornalista professionista. Ha lavorato a La Nazione e poi alla redazione del Giornale della Toscana. Ha studiato Lettere classiche all'Università degli Studi di Firenze

E-mail: nove@nove.firenze.it