Arrivederci Chianciano: l'Unuci rompe le righe

Novantesimo anniversario in archivio: l'Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia fa il bilancio scoprendosi ancora più orgogliosa di se stessa.


Chianciano Terme (Siena) - Definitivo "rompete le righe" ieri per le celebrazioni legate al 90° anniversario della costituzione dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia (UNUCI).

Una chiusura con consensi positivi unanimi: cerimonie civili e religiose, concerti di bande, una conferenza storica, esibizioni di formazioni corali insieme ad una mostra filatelica (con annullo speciale e folder commemorativo) hanno arricchito un programma significativo e ben curato.

L’evento ha goduto del fervido augurio dato dal Presidente della Repubblica , Sergio Mattarella, che ha fatto pervenire al presidente del sodalizio, Generale di Corpo d’Armata Rocco Panunzi, una medaglia celebrativa .

Non hanno fatto mancare la loro presenza le istituzioni: il il Sindaco di Chianciano, Dott. Andrea Marchetti e autorità dell'Esercito Italiano tra cui il Vice Comandante dell'Istituto Geografico Militare Generale di Brigata Poccia.

L’UNUCI

Nata come Ente pubblico nel 1926, oggi l’UNUCI è Associazione di diritto privato regolata dal DPR n.50/2013. Riunisce gli Ufficiali in congedo, provenienti dal servizio permanente e di complemento, che hanno fatto parte, con qualsiasi grado, delle Forze Armate e dei Corpi armati dello Stato e dei Corpi ausiliari delle Forze Armate. Ispirandosi alle tradizioni militari, al carattere patriottico, civico e di solidarietà, concorre alla formazione morale e all’aggiornamento professionale del personale in congedo e alle attinenti attività informative e divulgative.Collabora con le autorità militari nell’addestramento e nella preparazione sportiva di detto personale; mantiene contatti e svolge attività con le Confederazioni similari degli Ufficiali della Riserva dei Paesi Alleati.

nella foto la mostra "Modellini Navi Grande Guerra" organizzata per l'occasione

Redazione Nove da Firenze