Toscana Classica: stagione 2009 – X edizione


Al via la decima stagione di Toscana Classica, federazione di associazioni di produzione musicali della Toscana: 6 concerti per 8 serate (con 2 repliche), da aprile a settembre, alle ore 21, nella splendida cornice della Chiesa di Orsanmichele a Firenze. Riguardo al programma, spiccano due importanti opere sacre come la Petite Messe Solennelle di Gioacchino Rossini (19 aprile) e La conversione di Guglielmo di Giovanni Battista Pergolesi (23/24 maggio, nell’ambito de Il Genio Fiorentino), mentre tra gli ospiti impossibile non ricordare la presenza, tra gli altri, del violinista lèttone Ilya Grubert (5 luglio).
La serata inaugurale di domenica 19 aprile è affidata al Coro Cameristico Fiorentino diretto dal Maestro Ennio Clari: in programma la Petite Messe Solennelle di Giacchino Rossini, nella versione originale del 1863: 12 cantanti di cui 4 solisti (Chiara Vannini, Patrizia Scivoletto, Edgardo Rocha, Alessandro Calamai), due pianoforti (David Boldrini, Gaia Federica Caporiccio) e armonium (Ilaria Posarelli). Ultima opera del compositore pesarese, la Petite Messe Solennelle colpisce per la sua preveggenza musicale e può essere considerata il testamento spirituale di Rossini, forse già presago della sua prossima morte: “Buon Dio – scrisse in una nota - eccola terminata questa povera Messa. Ho fatto della musica sacra o della musica maledetta. Ero nato per l'opera buffa, io lo sai bene! Poca scienza, un po' di cuore, tutto qui. Sia Tu dunque benedetto e concedimi il Paradiso”. Nella seconda serata, lunedì 20 aprile, sarà impegnato il pianista Francesco Romano in un programma interamente dedicato a Frédéric Chopin, con una selezione di brani che va dalla Berceuse all’Andante Spianato e Grande Polacca Brillante, passando attraverso la prima Ballata e due Scherzi.
Sabato 23 e domenica 24 maggio la prima esecuzione fiorentina dell'Oratorio di Giovanni Battista Pergolesi La conversione di Guglielmo, nella versione orchestrale moderna trascritta dal Maestro Pier Claudio Fei e curata nei testi dal musicologo Don Sandro Spinelli. Il doppio appuntamento è inserito nel programma de Il Genio Fiorentino. I solisti sono il soprano Ornella Pratesi nella parte di San Guglielmo, il mezzo-soprano Sara Bacchelli (figlia del celebre pianista Antonio Bacchelli, scomparso prematuramente) nella parte di San Bernardo, il soprano leggero Francesca Lazzaroni nell'Angelo ed il basso baritono Domenico Barbieri nella parte del Demonio. Pier Claudio Fei dirigerà l'Orchestra di Toscana Classica.
Due gli spettacoli dedicati alla musica da camera. Domenica 5 luglio protagonista uno dei violinisti più rinomati a livello mondiale, Ilya Grubert, nato a Riga e già vincitore dei 3 più importanti concorsi internazionali (il Sibelius, il Paganini ed il Tchaikowsky), con una carriera che l’ha portato ad esibirsi nei teatri più importanti del mondo. Grubert si esibirà in duo con il chitarrista parmigiano Claudio Piastra: solista di fama internazionale, vanta importanti incisioni discografiche (Koch International-Europa Musica, Fonit Cetra, Mondo Musica di Monaco di Baviera e Warner Fonit) e numerosi riconoscimenti, tra cui il "Globe" dell'American Records Guide. In programma musiche di Schubert (trascr. dell'Arpeggione), De Falla (trascr. 6 canzoni popol. Spagnole) Rossini (elegia) e la Sonata Concertata di Paganini.
Lunedì 6 luglio, sempre alla Chiesa di Orsanmichele a Firenze, è la volta del Trio formato dal soprano Antonella Antonioli (musicista poliedrica, pianista e clavicembalista, specializzatasi in musica antica con R. Alessandrini e G. Barbolini e nel repertorio contemporaneo con De Robertis, che vanta importanti collaborazioni con l'Orchestra da Camera di Mantova, i Sonatori della Gioiosa Marca) dal flautista Roberto Fabiano (primo flauto e flauto solista della Orchestra da Camera di Mantova, considerata dalla critica come una delle migliori orchestre da camera di Europa, e già prima parte e solista dell'Orchestra di Santa Cecilia, Orchestra da camera di Padova e del Veneto, Arena di Verona) e dal pianista Lucio Bergamini (fondatore dell'Accademia Contemporanea ha svolto attività artistiche nella maggior parte dei Teatri ed Enti Lirici Italiani, Bologna, Modena, Verona, Ferrara ecc.). Musiche di Bach, Haendel,Vivaldi, Fauré, Satie, Debussy, Poulenc.
Gran finale con l'Orchestra di Toscana Classica, domenica 13 settembre con replica lunedì 14, diretta dal Maestro Giuseppe Lanzetta.
Fondatore e direttore dell'Orchestra da Camera Fiorentina, con la quale ha effettuato oltre 970 concerti, oltre che ispiratore del progetto Toscana Classica, Giuseppe Lanzetta è fra i più brillanti direttori italiani della sua generazione. E' regolarmente ospite di orchestre sinfoniche e cameristiche in tutta Italia (tra cui I Solisti della Scala di Milano e i Solisti del Maggio Musicale Fiorentino), in Europa (nel 1992 ha partecipato al Festival di Salisburgo, nel 2003 ha debuttato con i Berliner Symphoniker alla Philarmonie Grossen Saal) e in America (nel 2006 è stato ospite alla Carnagie Hall di New York, dal 1987 dirige le più importanti orchestre di Città del Messico). Nel 2005 ha ricevuto la Medaglia Beato Angelico e nel 2006 il Premio Firenze per la Musica e l'Arte.
Con i solisti Angela Camerini (flauto), Davide Guerrieri (oboe), Andrea Mugnaini (corno) e Marco Perin (fagotto) l'Orchestra di Toscana Classica eseguirà la Sinfonia Concertante di W. A. Mozart e la Sinfonia hob. 26 di J. Haydn.
Toscana Classica 2009 è organizzata con il contributo di Banca CR Firenze, Ente Cassa di Risparmio di Firenze e Regione Toscana, in collaborazione con Comune di Firenze-Assessorato alla Cultura, Provincia di Firenze e Sovrintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoatropologico e per il Polo Museale Città di Firenze.
Biglietti disponibili attraverso il circuito prevendita Box Office tel 055/210804 e nei giorni dei concerti presso la Chiesa di Orsanmichele dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 21. Per informazioni e prenotazioni si può contattare la segreteria di Toscana Classica, tel 055.783374.

Redazione Nove da Firenze