Barberino Designer Outlet: sviluppo del territorio e progetti futuri


Dal 2006, anno della sua apertura, ad oggi Barberino Designer Outlet ha cambiato lo scenario della zona di Barberino di Mugello grazie ad un impegno che ha visto la partecipazione del gruppo Fingen e del partner Inglese McArthurGlen, con il quale sono stati realizzati tutti gli Outlet del Gruppo, da Serravalle Scrivia aperto nel 2000 a Castel Romano inaugurato nel 2003, fino a Veneto Designer Outlet aperto a Noventa di Piave a Settembre 2008.
L’importante investimento iniziale di 80 milioni di Euro, di cui 14 milioni in opere pubbliche (viabilità, parcheggi e cura del verde, interventi che hanno riqualificato una zona produttiva degradata), che ha portato alla costruzione degli attuali 21 mila m² di superficie del Designer Outlet toscano, ha coinvolto in prima linea anche la Provincia di Firenze che ha contribuito al più importante degli investimenti, quello umano, grazie alla creazione nel 2005 all’interno del proprio sito internet dello strumento “Pre-Net” che ha reso possibile la prima fase di reclutamento degli oltre 500 addetti previsti per l’apertura dell’Outlet che oggi hanno raggiunto il numero di 650, il 70% dei quali residente nel Mugello. Al reclutamento hanno anche partecipato attivamente i Comuni di Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Firenze e Associazione Confesercenti.
Il contributo dato alla ripresa economica dell’area non si è limitato però alla sola assunzione del personale previsto per il Centro. Sono stati infatti oltre 150 coloro che hanno partecipato alla realizzazione architettonica del Designer Outlet mentre è incalcolabile, ad oggi, il beneficio che è stato portato a tutto l’indotto della zona che ha coinvolto operatori turistici, servizi, manutenzione, pulizie, cura del verde etc. L’impareggiabile contesto architettonico, ispirato allo stile Rinascimentale tipico della zona, con il Centro che si sviluppa sulle due sponde del fiume Sieve come un vero borgo cittadino, ha reso possibile nel 2007 due importanti riconoscimenti e premi quali la speciale “Commendation” al ICSC European Shopping Centre Awards e il Merit Award all’ICSC International Design and Development Awards, rendendo Barberino Designer Outlet uno dei centri privilegiati in Italia per lo shopping e il divertimento immersi nel verde della natura, da sempre vero punto di forza della zona del Mugello. Gli oltre 3,2 milioni di visitatori registrati nel 2008, confermano l’intento di fare di Barberino Designer Outlet una vera leisure location per gli acquisti e il tempo libero di tutta la famiglia. Il prestigio dei marchi presenti, da Prada a Roberto Cavalli, da D&G a Missoni, fino a Frette a Bose e alle recenti aperture di Polo Ralph Lauren (l’unico in Italia all’interno di un centro outlet), Gianfranco Ferré e Richmond, rendono da sempre accattivante l’esperienza di acquisto all’interno del Designer Outlet e contribuiscono a fare del Centro un vero punto di riferimento anche per i tanti turisti che da sempre affollano Firenze e la zona. Interessanti anche i servizi realizzati appositamente per incentivare la possibilità di raggiungere con facilità l’Outlet. Se la realizzazione lungo un asse autostradale di primaria importanza è da sempre un punto di forza di ogni Designer Outlet McarthurGlen, l’attivazione nel 2008 di un servizio bus navetta che due volte il giorno porta i clienti da Firenze al Centro e li riaccompagna in città, è un importante incentivo per tutti coloro che desiderano dedicarsi una giornata di shopping e relax. Il progetto iniziale di Barberino Designer Outlet prevede anche lo sviluppo di ulteriori 6.100 m² di superficie che amplierebbero non solo la zona commerciale (con ulteriori 5170 m² di GLA di cui 4000 m² di selling area), ma anche tutto il contesto di relazioni che dal 2006 hanno reso possibile l’importante crescita economica e la tutela del patrimonio. L’inizio dei lavori una volta ottenute le autorizzazioni necessarie, dovrebbe essere previsto entro l’anno 2009 con completamento a fine 2010 e prevede l’apertura di ulteriori 30/35 negozi di importanti brand, ristoranti, un’area giochi di 500 m² e parcheggi, per un investimento totale di 30 milioni di Euro, 2 milioni dei quali destinati ad opere pubbliche quali strade, viabilità e parcheggi. Si prevede, inoltre, che una volta a regime, il Designer Outlet potrebbe impiegare ulteriori 200 addetti, con altre assunzioni previste nel comparto servizi (vigilanza, pulizie, etc.). L’impatto economico dato dalla realizzazione del Centro, porterà anche ad impieghi presso le imprese e le aziende presenti sul territorio e vedrà un forte incremento dell’occupazione nell’area del Mugello. L’obiettivo di ripetere gli importanti risultati ottenuti durante la prima fase, sia in termini di gradimento del pubblico, sia in termini economici (basta pensare che il fatturato del Designer Outlet ha raggiunto nel 2007, a solo un anno dalla sua apertura, oltre 91,5 milioni di Euro per arrivare ad oltre 100 milioni nel 2008) che occupazionali, vede fortemente impegnati sia Fingen sia McArthurGlen, in una concertazione di intenti che è stata sin da subito la vera chiave di volta per il successo di Barberino Designer Outlet e la sua area.
Donata Troisi

Redazione Nove da Firenze