Gavinana Live: rassegna musicale-gastronomica-culturale-sportiva dal centro culturale italo-brasiliano “Jorge Amado”


Con il Patrocinio del Comune di Firenze–Quartiere 3, il supporto di Confesercenti e l’organizzazione del centro culturale italo-brasiliano “Jorge Amado” è al via la prima edizione di “Gavinana Live”, rassegna musicale-gastronomica-culturale-sportiva. Oltre 40 giorni di concerti, spettacoli ed eventi a 360° - dal 22 Maggio al 6 Luglio - animeranno una location decisamente alternativa come quella di Piazza Bartali a Gavinana, nuovo spazio estivo studiato dalle amministrazioni locali per le sue grandi capacità ricettive, di incontro e di scambio culturale. Il tutto nell’ottica di vivacizzare il concetto di “piazza fuori dalle mura”, sfruttando la grande potenzialità attrattiva offerta dalla COOP di Gavinana, centro commerciale nel quale gravitano mediamente più di 2000 persone al giorno. Lo scopo del festival sarà proprio quello di proporre al pubblico fiorentino di tutte le età una location veramente unica, sia per la sua architettura che per la comodità di arrivo e parcheggio, offrendo così una concreta soluzione anche per sopperire ai problemi di sovraffollamento del centro storico. E proprio attenendosi a questa logica, si alterneranno showcase di arte, spettacolo, musica, danza, cinema e sport dedicati non solo ai giovani, ma anche ai bambini ed agli anziani, fasce di età - queste ultime - fortemente considerate nella scelta del cartellone. Così, come in una “fucina di artisti”, tutte le sere a partire dalle 20 (e la domenica dalle 19) faranno tappa sul palco di “Gavinana Live” numerosissimi talenti appartenenti alle discipline più varie: dalla live music, alla danza, ai dj set, al cinema, al teatro. Ma saranno ritagliati spazi anche per lo sport - con seminari di fitness, yoga, pilates e stage di difesa personale -, per la letteratura e l’arte - con presentazioni di libri, reading letterari, vernissage -, per concludere con spettacoli di artisti di strada e micromagia per i più piccoli. Due appuntamenti in particolare emergono dal fittissimo programma: una giornata interamente dedicata allo yoga (6 Giugno), realizzata grazie alla partecipazione del Centro “Iyengar Yoga” (www.centroiyengaryoga.it) e la Notte Bianca del 3 Luglio, che illuminerà le strade di Gavinana con tantissimi show ed iniziative itineranti. Per la sua realizzazione, il festival si avvarrà del sostegno di importanti partnership, tra le quali spiccano quelle siglate con le associazioni “Amici del Museo Gino Bartali”, “Sound” di Pontassieve (coordinatrice di 12 scuole di musica - info su www.sound-musiche.it) e “un Cuore, un Sorriso”, ma anche quelle con Budweiser, Havana Club e Legendario, marchi presenti come sponsor tecnici sotto il profilo beverage.
IL CONCEPT
Il progetto “Gavinana Live” avrà come obiettivo quello di raggiungere principalmente la “gente del quartiere”, e questo grazie alla riscoperta di uno spazio altamente frequentato di giorno, che - da adesso - potrà essere concepito in una veste diversa nella fascia serale. La programmazione artistica, curata dal centro culturale Jorge Amado, prevede un susseguirsi di concerti, cabaret, dimostrazioni sportive, momenti aggreganti per le comunità di stranieri residenti a Firenze ed eventi ludici legati all‘associazionismo. Come premesso, uno dei focus riguarderà l’intrattenimento indirizzato ai bambini ed alle persone della terza età. Per i primi andranno infatti in scena spettacoli di micromagia, giocoleria, arti circensi, teatrini di burattini, clown e giochi di gruppo, curati dall’Associazione senza scopo di lucro “Un cuore un sorriso”. Per i secondi iniziative di tango, liscio, fitness e yoga. Rimanendo nel sociale, grande rilievo sarà conferito all’aspetto umanitario della manifestazione, potendo contare sull’autorevole presenza di EMERGENCY, che installerà corner shop e desk espositivi in tutta l’area. Attraverso questi saranno messi in vendita gadget, libri e magliette, il cui ricavato andrà a sostenere lo sviluppo dei paesi del terzo mondo e ad offrire assistenza medico-chirurgica alle vittime civili della guerra. Inoltre, per contribuire alla promozione di una cultura di pace e solidarietà, il festival si impegnerà al suo termine a devolvere una percentuale del ricavato alla stessa Emergency.
LA STRUTTURA
Dal 22 Maggio Piazza Bartali si presenterà arricchita di elementi architettonico-rimovibili, installati all’interno del colonnato di sinistra (guardando la Coop), al fine di non ostacolare il passaggio dei pedoni. Nella zona antistante il bar Terre di Masaccio sarà così allestita una pedana in legno rialzata, che ospiterà circa 40 tavoli con i relativi ombrelloni. Proseguendo verso la strada, centralmente, si incontreranno due gazebo (di dimensioni 4x4 ciascuno) adibiti a punto ristoro e bar, con possibilità di gustare snack veloci, panini, crepes, insalate di frutta, yogurt e gelati artigianali. Davanti a questi un palco di 6x4 offrirà, oltre a performance live di elevata caratura, anche eclettici visual show, videoclip di concerti e – naturalmente - la trasmissione delle partite degli Europei di calcio. Tutto questo visibile su quattro schermi al plasma giganti collegati tra loro e posizionati sulla parete retrostante il palcoscenico. Fasci di luce colorati animeranno infine le colonne portanti della piazza creando una suggestiva atmosfera durante la cena. E last but not least: tutte le attività si svolgeranno al coperto, il che ne permetterà l’agibilità e la realizzazione anche in caso di pioggia.
LA GASTRONOMIA
Al ristorante “Terre di Masaccio” ogni sera si potranno gustare varie tipologie di menù prettamente toscani a prezzi più che popolari. Ma non solo: in periodiche serate a tema verranno ripercorsi viaggi dai sapori multietnici attraverso proposte di piatti tipici provenienti dalla gastronomia brasiliana, spagnola, argentina, cubana, e dell’America Latina (prezzo di una cena comprensiva di coperto, pane, acqua, vino e caffé sempre inferiore a 9 euro). Per quanto riguarda la zona bar, dietro al bancone spazio allo show, grazie ad uno staff di barman flair che si cimenteranno nella preparazione acrobatica di freschi e dissetanti cocktails (fino alle 1 di notte) a base di frutta fresca e distillati di qualità.
LA PROGRAMMAZIONE
40 giorni di musica dal vivo ed arti varie di tutto il mondo offriranno un inno sia al recupero della tradizione che all’integrazione di stili differenti, dando vita nella piazza ad un crocevia socio-cultural-musicale unico nel suo genere. Farà tappa sul palco una lista lunghissima di ensamble di musicisti (emergenti e non) del panorama reggae, jazz, soul, bossanova, afro, folk e gospel. Tra i tanti spiccano gli italiani Claudio Carboni, Nico Gori, Simone Santini, e gli stranieri Luiz Lima, Gil Badarò, Jesus Lantermo, Kaas, ed il grande Gabin Dabiré. Tutti i concerti avranno inizio alle ore 20,30 e termineranno alle 23,30 (con tre pause di 15 minuti ciascuna). Per quanto concerne l’arte, sarà riservato un apposito corner ai tanti artisti italiani e sudamericani coinvolti nella rassegna, i quali avranno l’opportunità di esporre le loro opere su alcune intelaiature disposte lateralmente al palco e ben visibili durante l’arco di tutta la giornata. E per chiudere in bellezza, da una consolle posizionata centralmente, una girandola di djs del palcoscenico toscano offrirà momenti dance con particolare attenzione al repertorio latino-americano.
* * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
“Ringrazio innanzitutto i partners ed i numerosi sponsor tecnici intervenuti, i quali hanno risposto molto positivamente alla chiamata del Quartiere3 in merito a questa iniziativa che - pur essendo al suo primo anno - presenta tutte le carte in regola per affermarsi saldamente ed in maniera continuativa nei cartelloni delle prossime estati fiorentine”. Con queste parole ha aperto la conferenza stampa il presidente del Quartiere3 Andrea Ceccarelli, aggiungendo: “Approfittando anche alla stimata presenza degli amici del Museo “Gino Bartali”, ci teniamo a sottolineare il valore storico di piazza Bartali, la cui valorizzazione “notturna” avrà come obiettivo principale quello di raggiungere la “gente del quartiere”, attraverso la proposta di uno spazio nuovo che - da adesso - potrà essere vissuto anche sotto una veste diversa”. “Auspichiamo che la piazza di Gavinana possa rappresentare per 40 giorni un luogo di aggregazione, di scoperta, di incontro e di allegria”, ha affermato nel corso della conferenza di oggi Adalmir Pinheiro, presidente dell’Associazione culturale Jorge Amado. “Vogliamo trasmettere al pubblico l’importanza di questo luogo e del suo “quotidiano urbanistico” attraverso un cammino nell’arte in tutte le sue forme e speriamo che la nostra proposta possa essere accolta dalla collettività cittadina per quello che si prefigge di essere: ovvero un intrattenimento spontaneo, semplice ed immediato, senza mai perdere di vista l’aspetto emozionale”.
Adalmir Pinheiro
Laurea in Comunicazione Sociale, presidente del Centro Culturale Brasiliano “Jorge Amado”. Residente in Italia dal 1987, negli anni ha maturato esperienza con il programma radiofonico “Canta Brasil” su Rai estero Uno (Roma). Ha diretto il locale cubano Girasol per oltre 10 anni (Firenze), ha creato il primo festival latino americano “Mirada Cubana” (al Saschall), ha gestito lo spazio del Parterre (Piazza della Libertà), partecipando ad eventi come il Festival della Creatività, il Festival del Fitness e la Fiera del Cioccolato. La sua approfondita conoscenza del settore musicale gli ha permesso di ospitare in Italia gruppi di elevatissima caratura come i Buena Vista Social Club.
Centro Culturale italo-brasiliano “JORGE AMADO”
Il centro Culturale italo-brasiliano Jorge Amado nasce a Firenze nel 1996 con l’obiettivo di promuovere gli scambi culturali tra l’Italia e il Brasile, contribuire allo sviluppo sociale dei cittadini e dei soci, divulgare il patrimonio folkloristico, il costume, la lingua ed i mestieri. Per la prima volta quest’anno il centro ha proposto un’iniziativa rivolta alla valorizzazione del territorio cittadino. Fino ad ora infatti si era concentrato nel supporto logistico per la ricezione del turismo brasiliano a Firenze, facendo affidamento sull’aiuto del console onorario per il Brasile Paolo Francini.
Regina Nobrez
Di nazionalità brasiliana, laureata in giornalismo e corrispondente per il consolato italiano. Residente in Italia da più di 18 anni, ha organizzato e collaborato per molti eventi tra i quali le Olimpiadi invernali di Torino. Attiva in prima persona con Emergency, organizza regolarmente mostre ed iniziative culturali. Porta la sua firma il primo carnevale brasiliano in Toscana nel 2006, che ha registrato la partecipazione di 500 elementi. Dirige attualmente il giornale “Cos’è successo”, periodico di eventi, arte, musica e nightlife.

Redazione Nove da Firenze