Istituto Francese: arriva il Beaujolais nouveau giovedì 15 novembre


Giovedì 15 novembre, a partire dalle 18h, all’Istituto Francese di piazza Ognissanti tradizionale degustazione del beaujolais nouveau, accompagnato da formaggi d’oltralpe. Se c’è un aggettivo che può riassumere il millesimo 2007, questo è « fruttato ». Il gamay, vitigno unico del beaujolais, ha tratto il meglio da un meteo ideale per le vendemmie, scegliendo di esprimersi pienamente e d’interpretare senza alcun ritegno un ruolo nel quale eccelle, quello dei vini espressivi e “gourmand”, fruttati e freschi. Grazie soprattutto ad un bel settembre , che ha fatto dimenticare i capricci dell’estate, il vino di quest’anno è appetitoso e ricco di sapore, un vero e proprio “vino di piacere”.
L’aspetto è granata con riflessi violacei; l’aroma, molto espressivo, è quello dei piccoli frutti rossi. In bocca si congiungono finezza, eleganza ed una buona persistenza. Estesa su un'area pari a 1601 kmq suddivisa in 147 comuni, a cavallo tra Parigi e Lione, la coltivazione del Beaujolais si basa su un unico vitigno : il Gamay Noir à Jus Blanc, con il quale vengono prodotti vini rossi. La produzione di quest’anno raggiunge i 50 milioni di bottiglie, di cui la metà esportate in 150 paesi nel mondo. Il Beaujolais è un vino che muore giovane, da consumarsi entro un anno. Vino popolare e repubblicano è ottimo per tutte le occasioni conviviali, è un vino da bistrot, gioioso da dividere con gli amici, occasione ideale per “faire la fête”.

Redazione Nove da Firenze