Giardino estivo sull'Arno: dal prossimo anno spiaggia, ombrelloni e giochi lungo le sponde del fiume


Un giardino estivo sull'Arno all'altezza di piazza Poggi. Con spiaggia, ombrelloni, sedie sdraio, giochi all'aperto, panchine, nuovi percorsi pedonali. Un luogo fresco in pieno centro città dove sarà possibile trascorre un po' di tempo anche d'estate. Il progetto c'è già e riguarda uno spazio di circa 5000 metri quadri sulle sponde del fiume prospicenti a piazza Poggi che sarà realizzato a partire dalla prossima estate. L'intervento si inserisce nei programmi di recupero delle sponde dell'Arno, finalizzati alla riqualificazione di aree particolarmente delicate con forte valenza storico-paesaggistica. Il progetto presentato stamani dal sindaco Leonardo Domenici insieme all'assessore all'ambiente Claudio Del Lungo e al segretario dell'Autorità di Bacino Giovanni Menduni, tiene conto in particolare della salvaguardia e della conservazione delle aree naturalistiche spontanee che si sviluppano sulle sponde.
Lo studio è stato realizzato dalla Direzione ambiente in collaborazione con l'Autorità di Bacino che è poi l'ente che dovrà rilasciare i permessi insieme alla Provincia e al Genio Civile. Il progetto non va ad intaccare la vegetazione "ripale" spontanea dove trovano rifugio pesci e altre specie di animali come aironi e tartarughe, ma riguarda la superficie pianeggiante davanti all'argine lungo il Lungarno Torrigiani.
Verranno creati percorsi pedonali in terra battuta, il terreno verrà livellato come pure le scarpate. Una volta sistemata la superficie, anche con una nuova vegetazione, verranno realizzati alcuni spazi specifici per la beach volley e i giochi. Ci sarà anche una spiaggia, un tendone leggero dove ripararsi dal sole. E poi panchine, passerelle e un pontile. Verrà sistemata anche una doccia. Tutto lo spazio sarà appunto di 5000 metri quadri a cui se aggiungono altrettanti di verde.
Anche le luci faranno la loro parte . Verrà infatti creato un sistema di illuminazione con faretti dall'alto non invasivi che consentiranno l'utilizzo dello spazio anche di sera.

Redazione Nove da Firenze