Il centro-sinistra in Italia e l’opinione pubblica inglese: il caso dell’Economist


Sabato 27 novembre 2004, ore 16.45 alla Saletta del Circolo Rosselli, dibattito sul tema, con Roberto Chiarini, Gian Biagio Furiozzi, Ariane Landuyt. Il dibattito trae spunto dalla tesi di laurea di Maria Teresa Cariglia Il centro-sinistra in Italia (1953-1962) e l’opinione pubblica inglese: il caso dell’Economist. Due temi, verranno affrontati in particolare:
1. la qualità della stampa e in genere i caratteri dell’“opinione pubblica” inglese, specialmente nei suoi rapporti con la politica, nonché il tipo di cultura politica della Gran Bretagna di fronte ai problemi della modernizzazione economica e della democrazia di massa;
2. la gestazione e nascita del centro-sinistra italiano al tempo del miracolo economico e il confronto ravvicinato tra una cultura politica ideologica (quella italiana) ed una empirico - pragmatica (quella inglese).
Maria Teresa Cariglia è laureata in Scienze politiche all’Università di Milano con una tesi in Storia dei Partiti e Movimenti Politici. Roberto Chiarini è ordinario di Storia Contemporanea e Storia dei Partiti e Movimenti Politici all’Università di Milano. Ultima pubblicazione: Stato etico e manganello. Giovanni Gentile a sessanta anni dalla morte, Marsilio Editore, Venezia, 2004. Gian Biagio Furiozzi è ordinario di Storia contemporanea nell’Università degli Studi di Perugia, dove presiede il Corso di Laurea in Storia. Ha pubblicato tra gli altri i seguenti volumi: Dall’Italia liberale all’Italia fascista (ESI, 2001); Aldo Capitini e il socialismo liberale (F.Angeli, 2001); Il Socialismo liberale. Dalle origini a Carlo Rosselli (Lacaita, 2003). Ariane Landuyt é ordinario di Storia contemporanea nell'Università di Siena e cattedra Jean Monnet di Storia dell’integrazione europea. Dal 1997 dirige l’Istituto socialista di studi storici.

Redazione Nove da Firenze