5 marzo: in tutta la Toscana si svolgerà la Fiaccolata per la pace
Livorno manifesta unita contro la guerra e il terrorismo


È la proposta avanzata da Cgil, Cisl, Uil e Regione per dare una risposta e rafforzare l'appello lanciato dal Papa che chiede, per lo stesso giorno, un'intera giornata di digiuno e preghiera per la pace.
Ci sarà tutta Livorno in piazza Grande, per dire no alla guerra e al terrorismo. Qui, alle 18,30, confluiranno cinque cortei provenienti da altrettanti punti di ritrovo indicati dalle circoscrizioni cittadine, dai sindacati e dalla comunità diocesana. A sfilare per le vie saranno le tantissime “anime” della città che hanno aderito al “Manifesto per la pace” lanciato nei giorni scorsi dal sindaco Lamberti e su cui vi è stata una adesione corale: oltre alle istituzioni, tutte le componenti religiose , il mondo del lavoro, della scuola, dello sport, le comunità straniere, le associazioni di vario tipo: un elenco lunghissimo , impossibile da riportare, ma che indica come la città sia davvero unita per difendere la pace.
Ognuno con la sua fiaccola, a rappresentare anche simbolicamente i diversi modi di vivere questo momento, contribuirà ad accendere la fiamma della pace che arderà in piazza Grande, dove prenderanno la parola un rappresentante del mondo del lavoro, uno studente e un rappresentante delle comunità straniere. < In modo semplice, senza copyright da parte di nessuno e all’insegna del rispetto degli altri - ha detto Lamberti nella conferenza stampa di stamani- Livorno testimonierà la sua forte volontà di pace >.
Questi i punti di ritrovo.
Piazza del Luogo Pio (ore 17,30) : è il punto di ritrovo indicato dalle Circoscrizioni 1 e 4 ; il corteo percorrerà via della Venezia, via del Porticciolo e via Cogorano.
Piazza Luigi Orlando (ore 17,30): si ritroveranno qui le Circoscrizioni 3 e 5; si raggiungerà piazza Grande lungo il percorso piazza Mazzini, scali Novi Lena, piazza Giovane Italia, scali Cialdini, piazza Micheli, via Grande .
Piazza della Vittoria ( ore 18,00) : punto indicato dalla circoscrizione 2 ; si concentreranno qui le varie associazioni che hanno aderito al manifesto e all’iniziativa, oltre al Coordinamento delle Comunità straniere e le comunità senegalese, marocchina, peruviana e dominicana. Quello che percorrerà via Magenta, via Ernesto Rossi, piazza Cavour, via Cairoli, Largo Duomo, si preannuncia un corteo molto colorato e gioioso, accompagnato dal ritmo di tamburi.
Dopo la cerimonia le comunità e le associazioni si riuniranno alla “tenda della pace” allestita in piazza Cavour e per alcuni minuti questa si trasformerà in Moschea: Le comunità di fede musulmana si ritroveranno infatti per una preghiera di pace.
Piazza del Municipio ( ore 18,00): qui si ritroveranno i sindacati Ggil, Cisl, Uil. Il corteo percorrerà via S. Giovanni, piazza del Padiglione, via Grande, piazza Grande. Dopo la manifestazione proseguiranno, secondo un programma già stabilito, per piazza Cavour .
Via della Madonna ( ore 18, 00) : è il punto dove si ritroverà la comunità Diocesana, che raggruppa le parrocchie , le associazioni, i movimenti ed i gruppi cattolici. Alle 19,00, in Cattedrale, celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo.

A Grosseto è in programma alle 18 e 30 con partenza da piazza Dante Alighieri e conclusione in piazza Rosselli davanti alla Prefettura.
La Provincia, come avvenuto per la marcia della pace che si è svolta a Roma il 22 febbraio e per l'appello lanciato dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace (ha esposto la bandiera arcobaleno al balcone di Palazzo Aldobrandeschi), ha aderito alla manifestazione promossa da Regione e sindacati "contro la guerra, contro il terrorismo, per l'affermazione del diritto alla democrazia per tutti i popoli nella coesistenza pacifica".
Nell'occasione il presidente Scheggi invita tutti i sindaci del territorio a partecipare alla fiaccolata con il gonfalone del Comune e la fascia tricolore.

Redazione Nove da Firenze