Approvato il progetto esecutivo dela nuova scuola superiore di Fucecchio


La Giunta Provinciale di Firenze ha approvato il progetto esecutivo della costruzione della nuova Scuola secondaria superiore che ospiterà il Liceo Virgilio e l’istituto professionale Checchi di Fucecchio, per una spesa complessiva di 6 miliardi e 900 milioni (circa 3 milioni e mezzo di euro).
Il progetto prevede la realizzazione di un edificio scolastico su due piani per una popolazione di 500 studenti, per un volume complessivo pari a circa 18145 metri cubi, con una centrale termica distaccata.
L’edificio sarà di due piani con uno sviluppo in pianta ad “L”, distinto in tre fabbricati: un corpo centrale di pianta sostanzialmente quadrata contenente la zona ingresso, la zona ristoro, i nuclei servizi e gli elementi di comunicazione verticale, scale e ascensore; un corpo laterale di pianta rettangolare contenente al piano terreno le aule speciali (laboratori di lingue, informatica, chimica, fisica) ed al piano superiore gli uffici per il personale docente e la biblioteca d’istituto; un corpo laterale di pianta rettangolare contenente le aule normali distribuite sui due piani.
Nel dettaglio gli ambienti alloggiati all’interno del complesso sono:
§ 20 aule normali, ognuna di 50 mq, disposte su di un unico corpo di fabbrica su due piani;
§ 3 nuclei di servizi igienici, uno per il personale docente ed i rimanenti per gli alunni, tutti concentrati nel corpo centrale ed opportunamente disposti in colonna;
§ un’ala ristoro dotata di bar e sala consumazione pasti che si sviluppa su due piani all’interno del corpo centrale;
§ gli uffici per il preside, la segreteria studenti, le aule per i professori ed una biblioteca d’istituto, tutti alloggiati al piano superiore;
§ le aule laboratorio alloggiate al piano terra;
§ gli elementi di collegamento verticale costituiti da scale interne e da un nucleo ascensore per permettere l’accesso ai disabili del piano superiore;
§ due scale antincendio esterne disposte ai due estremi dell’edificio;
§ un porticato esterno.
Le plafoniere installate nel complesso scolastico saranno equipaggiate con reattore elettronici per avere un risparmio energetico e di manutenzione degli apparecchi.
In ogni laboratorio sarà installato un impianto allarme antintrusione, ed un eventuale impianto di rilevazione automatica di incendio.
L’impianto di diffusione sonora per la sicurezza dell’edificio sarà composto da diffusori a bandiera alimentati da gruppo soccorritore di adeguata potenza ed autonomia.
L’impianto riscaldamento verrà realizzato con due sistemi indipendenti. Il primo costituito da radiatori in ghisa collegati da tubazioni in rame ed acciaio nero installati in tutte le aule, gli uffici ed i corridoi, alimentato dalle caldaie presenti all’interno della centrale termica. La rimanente parte, da destinarsi solamente alla parte aule e laboratori, verrà realizzata con un impianto di termoventilazione.
Il complesso sarà totalmente accessibile in ogni sua parte dai disabili in quanto il piano terreno si presenta tutto su di un unico livello, senza gradini od altre barriere architettoniche, tutti i servizi sono dotati di bagno per disabili; l’ascensore permette l’accesso al piano superiore; il piano primo si presenta tutto su di un unico livello, senza gradini od altre barriere architettoniche, tutti i servizi sono dotati di bagno per disabili.
“Con l’approvazione definitiva del progetto esecutivo – commenta l’assessore provinciale all’edilizia Alberto Di Cintio - possiamo finalmente esprimere la massima soddisfazione per l’avvio di una delle tre nuove realizzazioni di plessi scolastici nella provincia di Firenze, e cioè Empoli, Borgo San Lorenzo e appunto Fucecchio. Sono particolarmente soddisfatto per la qualità del progetto che testimonia l’alta professionalità dei nostri Uffici tecnici. Il Progettista Architetto Caldoro e tutto il gruppo di Progetto dell’Assessorato all’Edilizia hanno espresso con questa realizzazione una profonda capacità di interpretazione dei processi dinamici di trasformazione della nuova organizzazione spaziale delle scuole superiori: quindi un edificio funzionale, sicuro, tecnologicamente attrezzato ma anche bello esteticamente soprattutto nelle finiture esterne in vetrocemento e laterizio a faccia vista”.

Redazione Nove da Firenze