Amici della Musica Firenze: I fratelli Tetzlaff in quartetto da Haydn a Schönberg Sabato 24 Novembre, il pianoforte di Mikhail Pletnev per un raro Cajkovskij il 25 Novembre


Il giovane e superlativo quartetto d’archi formato dai fratelli amburghesi CHRISTIAN e TANJA TETZLAFF (violino e violoncello), da ELISABETH KUFFERATH ed HANNA WEINMEISTER (alternate al violino ed alla viola) è il protagonista del concerto alla Pergola di Sabato 24 Novembre (ore 21). Il programma incastona le suggestioni slave di Dvorak (Quartetto op. 105) fra il maturo classicismo di Haydn (Quartetto op. 20 n. 3) ed uno Schönberg poco più che trentenne non ancora avvicinatosi al linguaggio rivoluzionario dell’avanguardia (Quartetto n. 1 op. 7).
Occasione per tornare ad ammirare quello che oggi viene considerato uno degli insiemi da camera più interessanti nel mondo, già salutato trionfalmente al suo debutto per la nostra Associazione l’anno scorso. Nato sei anni fa dall’incontro di quattro eccellenti musicisti amanti della musica da camera, il Quartetto Tetzlaff è capace di una freschezza, di una gioiosa spontaneità e di un’intelligenza stilistica davvero notevoli, e tutte queste doti gli hanno già fatto guadagnare l’attenzione delle maggiori associazioni concertistiche europee.
L’ultimo concerto di Novembre, Domenica 25 alla Pergola (ore 21), ha per protagonista il pianista MIKHAIL PLETNEV, uno dei più sorprendenti rappresentati della scuola interpretativa russa al giorno d’oggi. Si presenta con un programma che non mancherà di mettere in luce le smaglianti doti di virtuoso e la capacità di sottigliezze espressive: la monumentale e raramente ascoltata Sonata op. 37 di Cajkovskij occupa per intero la prima parte del concerto, mentre i Quattro Scherzi di Chopin concludono la serata.
Come pianista, Pletnev si è affermato fin da giovane in importanti concorsi (ha vinto la medaglia d’oro ed il primo premio al “Cajkovskij” di Mosca) ed ogni sua apparizione lo ha fatto salutare come interprete di rilievo di un esteso repertorio. Pletnev è però anche un noto direttore, che ha fondato e dirige stabilmente l’Orchestra Nazionale Russa, con la quale appare in importanti registrazioni ed in numerosi concerti; ed è poi compositore, fra l’altro autore di un Concerto per viola tenuto a battesimo da Yuri Bashmet. Fine trascrittore pianistico di Cajkovskij (celebre rimane la sua Suite dallo Schiaccianoci), ha arrangiato anche il Concerto per violino di Beethoven per clarinetto, una versione resa nota da un registrazione che ha ricevuto notevoli consensi critici. Per l’importanza della sua attività di musicista, Mikhail Pletnev ha ricevuto nel 1995 il Premio di Stato della Federazione Russa dal presidente Yeltsin.
Sabato 24 Novembre, Teatro della Pergola, ore 16
QUARTETTO TETZLAFF
F.J. HAYDN: Quartetto in sol minore op. 20 n. 3. A. DVORÁK: Quartetto in la bemolle maggiore op. 105. A. SCHÖNBERG: Quartetto n. 1 op. 7.
Domenica 25 Novembre, Teatro della Pergola, ore 21
MIKHAIL PLETNEV, pianoforte
P.I. CAJKOVSKIJ: Grande Sonata in sol maggiore op. 37. F. CHOPIN: Scherzo n. 1 in si minore op. 20; Scherzo n. 2 in si bemolle minore op. 31; Scherzo n. 3 in do diesis minore op. 39; Scherzo n. 4 in mi maggiore op. 54.

Redazione Nove da Firenze