72° Anniversario della Liberazione in Toscana

Celebrazioni, spettacoli e letture a Calenzano, Dicomano e Lastra a Signa. "Monte Sole Landing Memories"" riparte a Greve e Castagno d'Andrea. Le ultime ore prima dell'alba: la "Memoria" di Londa e San Godenzo


Due giorni di iniziative per riflettere e commemorare uno dei momenti più significativi della nostra storia recente. In occasione del 72° Anniversario della Liberazione, l’amministrazione comunale, insieme alla sezione Anpi Bruno Terzani di Lastra a Signa, promuove, per la giornata del 21 aprile, una mattinata di interventi e testimonianze insieme agli studenti. Martedì 25 aprile, invece, avrà luogo un Consiglio comunale aperto sul tema “Vecchi e nuovi fascismi”. Nello specifico, la giornata del 21 aprile si svolgerà al Teatro delle Arti (via Matteotti) a partire dalle 9. Dopo i saluti del sindaco Angela Bagni e della presidente del consiglio comunale Gemma Pandolfini, la mattinata ospiterà letture e interventi degli studenti delle classi terze della scuola secondaria di primo grado “Leonardo da Vinci”, dedicate, in particolare, alla figura dello scrittore e partigiano Primo Levi, in occasione del trentesimo anno dalla morte. Seguiranno alcune testimonianze sulla Liberazione, intervallate da brani musicali. La giornata sarà coordinata da Mauro Marzi dell’Anpi Bruno Terzani di Lastra a Signa. In calendario per martedì 25 aprile, invece, un Consiglio comunale aperto sul tema “Vecchi e nuovi fascismi: i riflessi sulla società attuale”, che avrà luogo in sala consiliare a partire dalle 10. Dopo i consueti saluti del sindaco Angela Bagni e della presidente del consiglio comunale Gemma Pandolfini, sono previsti gli interventi di Mauro Marzi (Anpi Lastra a Signa), del Consiglio comunale dei ragazzi, di Giorgia Bulli (Università di Firenze e Istituto Storico della Resistenza in Toscana - ISRT) e di Giovanni Baldini (Anpi Nazionale). La giornata si concluderà con la cerimonia di deposizione delle corone d’alloro, in primo luogo al monumento ai caduti di piazza Sandro Pertini (ore 11), dove sarà presente anche la Filarmonica Verdi di Signa, e a seguire (dalle 11.30) ai cippi e monumenti presenti sul territorio comunale.

Si inizia venerdì 21 aprile con lo spettacolo “Quell’uomo chiamato Pertini” alle ore 21 al Teatro Manzoni di Calenzano. Lo spettacolo, a cura dell’associazione Pensiero Socialista, nasce da un’idea di Pietro Milanesi. L’ingresso è gratuito a prenotazione obbligatoria entro il 19 aprile: 055 8833225/282 m.facchini@comune.calenzano.fi.itMartedì 25 aprile si terranno le celebrazioni sul territorio comunale e a Valibona. La deposizione delle corone ai cippi inizierà alle ore 8.30, con partenza dal Municipio; alle 10 si terranno le celebrazioni ai monumenti di piazza Vittorio Veneto e di piazza della Resistenza. Le escursioni per Valibona partiranno alle 8 dalla Casa del Popolo di Calenzano, a cura dell’associazione Assieme e alle 9.30 da Le Croci, con partenza da Tiro a Piattello, a cura del circolo Arci di Le Croci. È previsto il servizio di trasporto delle persone in difficoltà, a cura della Pubblica Assistenza di Calenzano, su prenotazione: 055 8833256; la partenza è prevista alle 9.30 da piazza di Le Croci, il rientro alle 15.30 da Valibona. Il traffico veicolare sulla strada per Valibona sarà vietato dalle 9 alle 18, nel tratto compreso tra Tiro a Piattello e il quadrivio di Valibona. Le manifestazioni a Valibona inizierano alle ore 11 nel piazzale del Memoriale, dove si terranno letture e poesie dedicata a “Un’Europa di pace e libertà”, a cura di Anpi Campi Bisenzio, Centro Iniziative Teatrali e Gruppo di Lettura Anna Maria Loda. Contemporaneamente si terrà il laboratorio per ragazzi “L’albero della pace”, a cura dell’associazione Sale in Zucca e le passeggiate con gli asini a cura di Arciasino. Alle 12.30 inizierà la commemorazione al cippo ai caduti di Valibona. Saranno presenti Ahmed Ettanji e Aboati Foudache, delegazione saharawi. Seguirà il pranzo all’aperto, con servizio di ristoro organizzato dal Circolo Arci di Carraia e dalla Pubblica Assistenza di Calenzano. Alle 14 sarà possibile partecipare alla visita alla grotta della Speloncaccia, a cura del gruppo speleologico USCA. Le celebrazioni per il 25 aprile termineranno venerdì 28 aprile con la presentazione del libro di Nicola CocciaL’arse argille consolerai: Carlo Levi, dal confino alla liberazione di Firenze attraverso testimonianze, foto, documenti e inediti. Alle ore 18 a CiviCa, in sala polivalente (via della Conoscenza 11).

Dopo il tour statunitense di marzo, che ha visto il documentario di Stefano Ballini "Monte Sole Landing Memories" sottotitolato in inglese, proiettato alla prestigiosa Casa Italiana Zerilli-Marimò, che fa parte dell'Università di New York, il 20 marzo e il 22 marzo a Tarentum, Pittsburgh PA all'affascinante Museo Alle-Kiski, il documentario di Ballini, dopo il grande consenso del pubblico e dei Veterani riscosso oltreoceano, riparte dal Chianti e più precisamente da Greve in Chianti, dove venerdì 21 aprile alle ore 17.30 sarà proiettato il documentario alla presenza dell'autore e di Gian Luca Luccarini Presidente dell'Associazione dei Familiari delle Vittime Eccidio di Marzabotto e Ferruccio Laffi, sopravvissuto. Il giorno dopo, sabato 22 marzo, la proiezione sarà al Circolo ARCI di Il Castagno d'Andrea, San Godenzo, alle ore 21.30, sempre alla presenza dell'autore, di Luccarini e Laffi, la serata sarà introdotta dal Sindaco di San Godenzo Alessandro Manni. Il documentario farà tappa anche alla scuola media di Dicomano (FI) il giorno 28 aprile e molte altre date sono già fissate per il periodo estivo. Il film parla di memoria ma pone particolarmente l'occhio sugli emigrati di origini italiane che, oltre un secolo fa, partirono per gli Stati Uniti in cerca di lavoro.Nel film da segnalare l'amichevole partecipazione di Walter Veltroni.

Dicomano festeggia il 25 aprile “per la Libertà, la Resistenza, la Pace”. Le celebrazioni iniziano il 21 aprile alle 18 nella sala del Consiglio comunale con la presentazione del volume di Stefano Beccastrini “Una terra che non dimentica. La Toscana, la Resistenza, il cinema”, organizzata dal Comune in collaborazione con le associazioni Peter Pan, Auser e Accademia. Ne parleranno insieme all'autore, Simone Neri Serneri dell'Istituto storico della Resistenza e l'assessore alla Politiche culturali Giulia Fossi. La cerimonia della Liberazione, il 25 aprile, prevede alle 9 il concentramento delle autorità e dei partecipanti e alle 9,15 la messa in piazza della Repubblica, alle 10 il corteo per la deposizione delle corone d'alloro ai monumento ai caduti, alle 11,15 l'intervento del sindaco Stefano Passiatore in piazza della Repubblica e alle 11,30 l'esibizione della street band “Fiati Sprecati”. Alle 13 pranzo sociale organizzato presso il circolo Accademia dall'omonima associazione.
Il 28 aprile ancora un'iniziativa, un laboratorio per bambini, che si terrà alle 17 presso la biblioteca comunale, in collaborazione con le associazioni Peter Pan e Antigonart “AAA Capolavori d'arte Cercasi, opere d'arte salvate durante la guerra”.

Sono territori meravigliosi, valorizzati da abbacinati fioriture primaverili, quelli che toccherà sabato mattina - a partire dalle 10, 30 - l'escursione "Sentieri della memoria". Il programma si apre alle 10, 30 in località Fiera dei Poggi (coordinate: 43°56'30.39"N, 11°38'29.51"E), nel comune di San Godenzo. E' un itinerario di 7, 5 chilometri da percorrere in circa tre ore, che toccherà il passo del Muraglione e il Valico dei tre faggi. Il pranzo è al sacco ed è a cura dei partecipanti. La partecipazione è gratuita. Si tratta di un percorso ad anello dove prevalgono i bellissimi panorami dell’appennino Tosco-Romagnolo, attraversato dalla Linea Gotica, che fu realizzata in punti strategici di osservazione. Doriano Pela dell’assocciazione "Fuori dalle vie maestre", ente organizzatore di "In bicicletta sulla Linea Gotica - La staffetta della memoria” accompagnerà gli escursionisti con alcuni racconti storici. Alle 15,30 - nei pressi del passo del Muraglione - ci sarà "Segmenti di Linea Gotica", performance di land art dell’artista Ivano Cappelli. Il “palcoscenico” di questa particolare "mise en scene" è raggiungibile, dopo una breve discesa a piedi, percorrendo il sentiero CAI n. 6. Un apericena al circolo ARCI “8 dicembre - Arnaldo Amedei” di Castagno D’Andrea anticiperà la proiezione, alle 21, 30 di "Monte Sole landing memories". Saranno presenti, oltre all’autore, Stefano Ballini, il Sindaco di San Godenzo, Alessandro Manni, Gian Luca Luccarini presidente dell’Associazione familiari eccidio di Marzabotto e Ferruccio Laffi, sopravvissuto, che ha perso 16 familiari. Si tratta di un documentario che parte dalla strage di Monte Sole, Marzabotto, per arrivare allo sbarco in Normandia, attraverso immagini, racconti e testimonianze. Tra queste si inseriscono le memorie del primo cittadino di Marzabotto, Romano Franchi, che passa attraverso la storia della sua famiglia di origine contadina ed è stato testimone della strage del Faggiolo, un borgo vicino a Marzabotto.



Informazioni ulteriori presso l'associazione Giropoggio (tel. 348 7375663; carlo.visca@giropoggio.it).

Redazione Nove da Firenze