1° maggio dedicato ai caduti e agli invalidi del lavoro

Bella Ciao. Le Donne di Magliano and Friends

A Prato la deposizione della corona d'alloro al monumento. Le Donne di Magliano cantano on line "Vien la primavera". Appuntamento con il live streaming su social, NoiTv e Controradio. Videodibattito del sindacato Confial


FOTO & VIDEO — Domani dal porto di Livorno e su tutto il litorale toscano, alle ore 12:00 echeggerà il suono delle sirene, di vicinanza per tutti gli equipaggi delle navi mercantili in questo periodo costretti, a volte, a lunghe permanenze a bordo e in generale al mondo dello shipping e a tutti i lavoratori del mare.

A Prato alle 10:00, il sindaco Matteo Biffoni, insieme al Gonfalone Comunale, partiranno da piazza del Comune per recarsi in piazza Cardinale Niccolò, dove è prevista la consueta deposizione di una corona di alloro al monumento dedicato ai caduti e agli invalidi del lavoro. Anche con le limitazioni di questo periodo il Comune non rinuncia a celebrare un valore primario per la città come il lavoro. Quest'anno la cerimonia, breve ed essenziale, non potrà avere carattere pubblico e non saranno quindi presenti le tradizionali autorità civili e militari. E' prevista la sola presenza simbolica delle principali sigle sindacali CGIL-CISL-UIL, con un proprio rappresentante. Come già avvenuto per il 25 aprile, la cerimonia sarà accompagnata dal suono della tromba, che eseguirà il Silenzio, l'Inno nazionale e l'Inno dei Lavoratori.

L'assessora a Lavoro, formazione ed istruzione della Regione Toscana, Cristina Grieco, parteciperà alla videoconferenza “Un sindacato nazionale e di comunità per dare voce e valore al lavoro” organizzata dal sindacato nazionale Confial in occasione della Festa dei lavoratori. L'assessora Grieco, che è anche coordinatrice della commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni, vi prenderà parte con la ministra delle Politiche agricole e forestali, Teresa Bellanova, oltre che con Benedetto Di Iacovo, segretario generale del Confial. Scopo dell'incontro è parlare del mondo del lavoro e del ruolo del sindacato in questo delicato momento contraddistinto dall'epidemia da coronavirus Covid-19. Al videodibattito, che sarà diffuso a partire dalle ore 10 sulla pagina Facebook della Confial nazionale, parteciperanno anche docenti universitari, economisti e giuslavoristi, nonché gli assessori regionali al Lavoro di Calabria, Lazio, Lombardia e Sicilia. L'assessora Grieco porterà all'attenzione del dibattito, in via peculiare, il caso della Toscana, con riflessioni sul lavoro in epoca contraddistinta da Covid-19 e sul ruolo del sindacato rispetto alle sfide che lo attendono per il futuro.

Arte, musica e concerto del 1 maggio al tempo del lockdown. Cresce l’attesa per “Dalla Torre al cielo”, il concerto del 1 maggio in live streaming organizzato sulla Torre Guinigi di Lucca da Start -Open your eyes, Comune di Lucca e Fondazione Banca del Monte di Lucca, e si aggiunge la partnership di Controradio Fm 98.9, che trasmetterà la diretta sulla pagina FacebookLa regia di Simone Rabassini e Paolo Marchetti permetterà di vedere la performance da vari punti di vista e immagini panoramiche della città grazie all’ausilio di un drone; Federico De Robertis eseguirà una selezione musicale che attraverserà 300 anni di storia e cinque continenti, mentre lo streetart Moneyless esporrà un solido platonico sospeso formato dai suoi caratteristici fili legati ai rami degli alberi, e uno stendardo di oltre 100 metri quadrati con i suoi tradizionali cerchi a delineare un grande cuore con i colori della città. Fondamentale, per questo allestimento, il supporto del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco: il nucleo S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale), squadra specializzata, si è infatti occupata della messa in sicurezza della performance artistica. Tutti protagonisti: usando l’#dallatorrealcielo chiunque potrà partecipare al concerto postando, prima dell’evento, un’immagine carina e divertente di vita quotidiana di come ha vissuto la propria quarantena e, durante e dopo l’evento, di come vi ha partecipato.

On line, in coincidenza del primo maggio uscirà anche un nuovo video del coro popolare femminile Le Donne di Magliano con una canzone di lotta dei lavoratori simbolo della musica popolare toscana: "Vien la primavera", conosciuta nella interpretazione di Morbello Vergari e il Coro degli Etruschi degli anni ’70. La canzone ha la classica formula popolare della voce solista che chiama e del coro che risponde; per l’occasione i solisti saranno alcuni fra i più conosciuti interpreti della musica popolare e d’autore toscana: le cantanti folk Lisetta Luchini e Chiara Riondino, il chitarrista e cantante Maurizio Geri e il cantautore Bobo Rondelli.I musicisti che accompagnano il coro in questa nuova avventura sono Alessandro Camaiti (chitarra), Andrea Frosolini (violino) ed Emanuele Pellegrini (percussioni). Montaggio audio e video di Francesco Frosolini. La direzione artistica è di Carla Baldini.

Redazione Nove da Firenze