Tramvia e Bus, nuove fermate: disagi sullo scambio tra ferro e gomma a Firenze

Ad una settimana dall'entrata in servizio della nuova Linea 3, proseguono le segnalazioni sull'infrastruttura e sulla regolamentazione della mobilità


L'estate sarà un periodo di prova per la nuova organizzazione del trasporto locale a Firenze, trasformato dall'entrata in esercizio della nuova Linea 3 Santa Maria Novella - Careggi.

Ai disagi riscontrati presso piazza Dalmazia, tra temporizzazioni semaforiche che rallentano il flusso del traffico privato e nuove fermate di interscambio tra Bus e Tramvia, arriva anche la segnalazione degli autisti per voce del Sindacato Fast Confsal.

Il Segretario da via dei Sette Santi segnala "Dopo la particolare collocazione del Capolinea Dalmazia delle linee 2 e 28 condiviso con un banco di Ortofrutta, con il passare dei giorni dalla nuova viabilità delle linee ATAF emergono nuovi problemi, segnalati dagli autisti, e ulteriori situazioni che ci sembrano più frutto di improvvisazione che di errori imprevedibili".

Le linee 17, 20 e 23 rimaste fra le più importanti della città, sono state oggetto di modifica per connettersi alla Linea 3 in piazza Bambini e Bambine di Beslan e consentirne poi l'adduzione ferro-gomma dei passeggeri con la fermata del Tram denominata ‘Fortezza – Fiere e Congressi’.

A lasciare "sbalorditi" gli autisti è "una dimenticanza nel progettare e realizzare la fermata di interscambio, una fra le più importanti del progetto che coinvolge appunto le linee più forti di ATAF".

"Accortisi dell'errore - commentano dal Sindacato - e non essendoci spazi idonei previsti dalla nuova urbanizzazione è stata collocata una fermata con palina "provvisoria". Tale fermata 'provvisoria' è stata messa nello spazio spartitraffico di Via Fausto Dionisi che appare tra l'altro una collocazione quantomeno discutibile anche sotto il profilo della sicurezza degli utenti che rischiano di essere investiti , e pure delle norme di riferimento del Codice della Strada. Gli autisti, pur segnalando la particolare anomalia, stanno usando buon senso ed effettuando la fermata con le dovute precauzioni, ma tutto ciò a nostro avviso pare confermare ancora una volta una 'programmazione a vista' dei vari tecnici comunali".

Redazione Nove da Firenze