Tramvia di Firenze: 10 giorni a porte chiuse per la Linea 3

Dieci giorni di pre-esercizio a partire dal via libera formale


Prima di aprire le porte ai passeggeri nella nuova linea T1 tra Alamanni e Careggi, la tramvia dovrà effettuare 10 giorni di esercizio a “porte chiuse”. Lo ha deciso la Commissione del Ministero (USTIF) che, verificata l’infrastruttura e la documentazione tecnica, ha dato il via libera fissando tempi e modalità.

“Noi siamo pronti. Appena avremo il via libera formale inizieremo la simulazione del servizio – commenta Jean Luc Laugaa, Ad di Gest - svolgendo tutte le attività, le verifiche e i test previsti dal Ministero. Attività che ci consentiranno di garantire un servizio affidabile e in sicurezza. Se tutte le verifiche daranno esito positivo il servizio sarà aperto a tutti”.

“Questo periodo di 10 giorni – prosegue Laugaa – consentiranno ai nostri conducenti di prendere familiarità con la linea, ai regolatori nella sala di controllo di verificare dinamiche e tempi di percorrenza e ai manutentori di visionare tutti gli impianti e comprendere i tipi di intervento da effettuare nei casi di emergenza.

I tram circoleranno regolarmente su tutta la linea, da Villa Costanza a Careggi, ma a partire dalla prossima settimana nel nuovo tratto Stazione-Careggi viaggeranno a “porte chiuse”, senza passeggeri, simulando l’attività di servizio, percorrendo i 4,1 km di linea e fermandosi ad ognuna delle 12 fermate. Tornati alla Stazione i Sirio riapriranno le porte in direzione Scandicci.

Redazione Nove da Firenze