Tramvia al Duomo: un tema da campagna elettorale

Torselli e Xekalos (FdI-FiM): “La posizione di Nardella? Favorevole coi favorevoli, contrario coi contrari”


La stella polare "e' il programma di mandato, in cui non e' previsto il passaggio del tram dal Duomo, ma la variante al centro storico". Programma che "rispetteremo. Nulla toglie, pero', che durante la prossima campagna elettorale ci possa essere un confronto sui programmi". Lo spiega l'assessore alla Mobilita' e ai Lavori pubblici del Comune di Firenze, Stefano Giorgetti, intervenendo in Consiglio comunale. "Credo- aggiunge- che nessuno debba sottrarsi alla discussioni. Ma oggi la giunta e' impegnata a completare il programma di mandato, penso alla linea 2 che lunedi' 11 febbraio sara' inaugurata e messa a disposizione dei cittadini".

“La posizione del Sindaco sul passaggio della Tramvia da Piazza del Duomo è semplicissima e, soprattutto, molto ‘chiara': Nardella è infatti favorevole coi favorevoli e contrario con i contrari”. Questo è quanto affermano i consiglieri di Fratelli d’Italia-Firenze in Movimento, Francesco Torselli e Arianna Xekalos. “In settimana - spiegano i due consiglieri - abbiamo ascoltato candidati che sosterranno la rielezione di Nardella nella prossima primavera affermare la propria favorevolezza al passaggio dei treni in Piazza del Duomo, nonostante il Partito Democratico non abbia mai tenuto questa posizione per tutti i 4 anni e mezzo del mandato. Ma si sa, l’avvicinarsi della campagna elettorale e la volontà di recuperare un po’ di consenso a sinistra, fanno miracoli…”. “Per fugare ogni dubbio - concludono Torselli e Xekalos - abbiamo chiesto al sindaco di risponderci ad una semplicissima domanda, ovvero se sia favorevole o contrario al passaggio della Tramvia al Duomo. La risposta? Fino alla fine del mandato, a Palazzo Vecchio, il Sindaco non parlerà del passaggio al Duomo; una volta finito il mandato, in campagna elettorale, invece valuterà cosa dire… Questa è l’ennesima dimostrazione che il PD, nonostante sia da sempre al governo della città, ha una visione parziale della mobilità fiorentina. Nell’attesa che Nardella e il Pd si dedichino al loro sport preferito, l’arrampicata sugli specchi, noi la nostra posizione la ribadiamo, dentro e fuori il palazzo: con il centrodestra al governo di Firenze, la Tramvia non passerà mai dal Duomo, né da Piazza San Marco".

Redazione Nove da Firenze